Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Aumento degli stipendi nel 2023, chi guadagnerà di più: cosa cambia con la legge di Bilancio

Pubblicato

il

Tredicesima

Al vaglio dell’Esecutivo un nuovo taglio del cuneo fiscale. Quest’ultimo è dedicato alle fasce più fragili della popolazione, quelle con un reddito più basso, così da poter aumentare gli stipendi nel  2023. In particolare, l’intervento sul cuneo fiscale previsto dalla nuova legge di bilancio dovrebbe essere duplice: per un verso la conferma del taglio di due punti introdotto dal governo Draghi e dall’altro il taglio di un ulteriore punto per i redditi sotto una certa soglia. 

Pensione a 62 anni con quota 103 e niente Iva su pane, pasta e latte: la prima manovra del governo Meloni

La manovra economica e il taglio del cuneo fiscale 

La manovra economica contenuta nella nuova legge di Bilancio va verso i 32 miliardi di euro, nei quali la parte del leone è giocata dalle misure necessarie per far fronte al caro bollette che si attestano intorno ai 21 miliardi. La prima manovra del governo Meloni è all’esame del Consiglio dei ministri nel corso di queste ore. Per quel che riguarda il taglio del cuneo fiscale, esso dovrebbe avvenire secondo due direttive: da un lato la conferma del taglio contributivo attuale di due punti per i redditi fino a 35 mila euro introdotto dal governo Draghi e dall’altro un nuovo taglio del cuneo, di un solo punto, per le fasce economiche più basse, ovvero quelle aventi redditi sotto i 20-23 mila euro. L’operazione avrà un costo di circa 5 miliardi dei quali due terzi ai lavoratori e un terzo ai datori di lavoro. 

Gli scenari possibili per l’aumento degli stipendi 

In virtù di quanto detto, ci sarà un aumento degli stipendi? In merito, per il prossimo anno sono tre gli scenari possibili. Il primo vede la conferma di quanto già in vigore e in questo caso appare alquanto evidente che non cambierebbe nulla e gli stipendi rimarrebbero quelli attuali. Il secondo caso invece sarebbe quello di aumentare il taglio del cuneo al 3% ma destinando un terzo della quota alle imprese. Per i lavoratori in termini di stipendio cambierebbe poco, discorso diverso per le aziende che trarrebbero maggior beneficio e sarebbero incentivate ad assumere. L’ultimo scenario possibile è infine quello che vede l’aumento del taglio del cuneo fiscale a 3 punti percentuali e destinando tutto ai lavoratori. In quest’ultimo caso si andrebbe, effettivamente, verso un aumento dello stipendio. 

Governo Meloni e la prima legge di bilancio: dal tetto del contante a 5.000 euro alla riduzione delle bollette

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy