Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Congedo parentale, maternità di 9 mesi: le novità, i papà a casa con i figli per 10 giorni

Pubblicato

il

muore figlio donano organi (fegato a Roma)

Novità sul fronte del congedo parentale per entrambi i genitori. Sì, perché con il decreto licenziato lo scorso 22 giugno il Consiglio dei Ministri ha introdotto una serie di cambiamenti: dalla maternità di 9 mesi ai giorni che il papà ha per stare a casa con i propri figli. 

Cosa cambia per i lavoratori dipendenti con il nuovo congedo parentale 

Per i lavoratori dipendenti, tra le novità c’è che i mesi di congedo parentale indennizzati salgono da 6 a 9, da fruire fino ai 12 anni del figlio (non più 6). Per i lavoratori autonomi e professionisti il diritto all’indennità giornaliera viene esteso nel caso di gravidanza a rischio anche fino a due mesi prima del parto. 

Il papà a casa per 10 giorni

Il congedo parentale obbligatorio di 10 giorni diventa strutturale. Il papà, quindi, può usare questo ‘congedo’ tra i due mesi precedenti al parto fino ai 5 giorni successivi. Si tratta, lo ricordiamo, di un diritto che non va certo a sostituire il congedo di paternità alternativo, quello che si può usare in casi gravi di morte, infermità o abbandono del figlio de parte della mamma. 

Indennità di maternità: cosa cambia

Lavoratori e lavoratrici possono ricevere un’indennità fino ai 12 anni del bimbo. L’importo è lo stesso, ma la distribuzione tra i genitori è diversa: il congedo, infatti, si estende fino ai 9 mesi per la coppia, fino a 11 per il genitore solo. Professioniste e lavoratrici autonome, invece, hanno diritto all’indennità di maternità per il periodo che va da due mesi antecedenti ai tre mesi successivi al parto.

TUTTE LE INFO QUI

Nel dettaglio, quindi, sono aumentati:

  • “da 10 a 11 mesi, la durata complessiva del diritto al congedo parentale spettante al genitore solo, nell’ottica di una maggior tutela per i nuclei familiari monoparentali;
  • da 6 a 9 in totale, i mesi di congedo parentale coperto da indennità nella misura del 30%, fermi restando i limiti massimi di congedo fruibili dai genitori;
  • da 6 a 12 anni, l’età del bambino entro la quale i genitori, anche adottivi e affidatari, possono fruire del congedo parentale”. 

Tra l’altro, ora sono anche state stabilite le sanzioni per i datori di lavoro, quelli che ostacolano il congedo di paternità, che è invece obbligatorio. Lo scopo, in ogni caso, fa sapere il Ministero del Lavoro è quello di “promuovere il miglioramento della conciliazione tra i tempi della vita lavorativa e quelli dedicati alla vita familiare per tutti i lavoratori che abbiano compiti di cura in qualità di genitori e/o di prestatori di assistenza, i cosiddetti caregivers, al fine di conseguire una più equa condivisione delle responsabilità tra uomini e donne e di promuovere un’effettiva parità di genere sia in ambito lavorativo, sia familiare”. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com