Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Pensione Quota 41: requisiti e come funziona

Pubblicato

il

INPS: maxi truffa a Roma

Il dibattito sulle pensioni in Italia non si è mai fermato. Ogni tanto rallenta, viene accantonato momentaneamente, ma poi ritorna all’ordine del giorno in politica. Ora, ad esempio, infiamma nuovamente.

Quota 41 cos’è e come funziona la proposta

In gioco c’è il nuovo progetto di riforma Quota 41, voluto da Lega e Sindacati, e che andrebbe a sostituire dal 2023 Quota 102. La principale novità, come suggerisce il nome stesso, è che in pensione si potrà andare al raggiungimento dei 41 anni di contribuzione a prescindere dall’età anagrafica.

Leggi anche: Bonus INPS da 400€ al mese per le donne: requisiti, come funziona e come richiederlo

Il sistema pensionistico oggi

Per ora, ad oggi nel 2022, è possibile andare in pensione a 67 anni con un’anzianità contributiva di almeno 20 anni. Ci sono, poi, diverse modalità di pensionamento anticipato, tra cui l’Ape volontario o sociale, Isopensione, Quota 102, pensione anticipata per mansioni usuranti e infine pensioni per i lavoratori precoci e Opzione Donna. 

Le criticità della nuova proposta

Quali sono le criticità di Quota 41? Anzitutto c’è da dire che, al momento, si tratterebbe di una scelta che è prevista solamente per alcune tipologie di lavoratori, i cosiddetti ”precoci” e quelli impegnati in attività reputate usuranti.

Un’opzione condivisa largamente dai sindacati seppure in alternativa all’ipotesi di pensionamenti attorno alla soglia dei 62 anni d’età. Applicare un trattamento del genere a tutti indiscriminatamente, avrebbe non poche conseguenze, soprattutto in considerazione dei conti pubblici finali. 

Le stime di investimento per l’INPS

Sulla questione, appunto, l’INPS ha calcolato che l’ipotetica estensione generalizzata di Quota 41 potrebbe comportare un investimento di 4 miliardi nel primo anno di “attivazione” per poi arrivare a superare la soglia dei 9 miliardi nell’ultima annualità di un percorso decennale.

Proprio per questo Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, sembrerebbe aver caldeggiato un’altra proposta con l’obiettivo di consentire il pensionamento a 63-64 anni con la sola quota contributiva dell’assegno usufruendo dell’eventuale parte retributiva solamente a partire dal sessantasettesimo anno d’età

Rettifiche e controproposte

In tal mondo, facendo alcuni calcoli, il costo verrebbe abbattuto, e non di poco: il costo il primo anno, ad esempio, si fermerebbe a poco più di 400 milioni. Secondo il punto di vista della Lega, però, la spesa aggiuntiva per Quota 41 sarebbe meno esosa di quella stimata dall’Inps e continua a spingere su questa misura.

In questo caso il costo il primo anno si fermerebbe a poco più di 400 milioni. Secondo la Lega però la spesa aggiuntiva per Quota 41 sarebbe più contenuta di quella stimata dall’Inps.

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy