Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Sanzioni Pos, cosa sono: ecco a quanto ammonta la multa se rifiuti pagamenti elettronici

Pubblicato

il

Pagamento POS con il bonus POS

Sanzioni Pos. A partire da giovedì prossimo, 30 Giugno 2022 assisteremo a quella che potremmo definire una vera e propria rivoluzione riguardo il mondo delle transazioni cashless. 

Pos e pagamenti elettronici obbligatori dal 30 giugno

Di fatto, come già preannunciato negli scorsi mesi, e da inizio anno in particolare, il governo sta adottando una linea,  seguendo le direttive UE, che è quella di aumentare la diffusione di tali sistemi, in sostituzione del pagamento in contanti. Per chi non si adeguerà all’obbligo di Pos e pagamenti elettronici entro il 30 giugno, scatteranno le sanzioni. Ma a quanto ammontano?

Le sanzioni in caso di non adeguamento

Per prima cosa, è bene sottolineare ancora una volta, che le sanzioni colpiranno chi non detiene il sistema di pagamento Pos dal momento dell’entrata in vigore dell’obbligatorietà. Detto in altri termini: tutti gli esercenti che vendono ed offrono prodotti o servizi, potranno essere sanzionati nel caso in cui non faranno pagare i propri clienti con metodi di pagamento elettronici. Tale manovra è una delle norme derivanti dal PNRR.

Leggi anche: Pos obbligatorio: da questa settimana scattano le multe per chi non accetta i pagamenti elettronici

Il calcolo della multa

Il calcolo delle sanzioni da imporre agli esercenti non in regola è relativamente semplice: la base è di 30 euro per ogni transazione rifiutata, al quale verrà poi aggiunto il 4% dell’importo stesso. Dunque il totale dipendente da quanto è stato rifiutato.

Il testo ufficiale

Andando più nello specifico, il testo ufficiale prevede però anche delle esenzioni: “non si applica nei casi di oggettiva impossibilità tecnica a ricevere pagamenti con carta via Pos”. Ma ovviamente, ora, la domanda essenziale riguarda proprio il cosa si intende con oggettiva impossibilità e a cosa si riferisce nel dettaglio.

”Oggettiva impossibilità”: cosa si intende?

La causa più probabile, dunque, potrebbero essere effettivi problemi di connessione temporanea o fissa, insieme al malfunzionamento dell’apparecchio. E’ chiaro che queste fattispecie non devono diventare delle attenuanti continue e reiterate. In tali casistiche, l’esercente colto in fallo, dovrà dimostrare di essersi attivato per risolvere la questione il più velocemente possibile per non incappare comunque nella sanzione. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy