Connettiti con noi

Cronaca

Manifesti erotici con il suo nome e indirizzo: la vendetta “dell’amico”, lei lo aveva rifiutato

Pubblicato

il

stupro roma

Un’amicizia e un amore non corrisposto, poi la vita che si trasforma in incubo. Nella giornata di ieri il personale della 2^ sezione della squadra mobile ha dato esecuzione ad una Misura Cautelare emessa in data 1° dicembre 2021 dal GIP del Tribunale di Latina dott. Giuseppe Cario su richiesta del Sostituto Procuratore dott.ssa Giorgia ORLANDO nei confronti di D. B. E. sessantenne di origini campane residente nel capoluogo.

L’uomo è stato arrestato e sottoposto al regime della detenzione domiciliare in quanto ritenuto colpevole di tutta una serie di atti persecutori nei confronti di E.M. con la quale aveva in precedenza un rapporto di amicizia.

Leggi anche: Membro del clan Di Silvio diventa stalker della ex: in passato violenze e minacce davanti ai figlioletti

Lui vorrebbe più di un’amicizia, lei dice no: l’amico diventa stalker

La donna aveva interrotto l’amicizia quando aveva ricevuto esplicite avances di tipo sessuale da parte del sessantenne, ma l’uomo non aveva accettato la decisione della donna di interrompere i loro rapporti ed aveva dapprima iniziato a tempestare la donna di telefonate e messaggi per poi, una volta “bloccato” sul telefono, iniziare a pedinare la donna ed a farsi trovare appostato presso la sua abitazione, spargendo in giro falsi manifesti col volto e l’utenza della donna contenenti presunte offerte di prestazioni erotiche, ed infine a squarciare le gomme della vettura della donna e cospargerne la carrozzeria con liquido corrosivo.

Leggi anche: Roma, 30 chiamate al giorno da numero sconosciuto: stalker perseguita 26 donne

La vita si trasforma in un incubo

Tali condotte hanno gravemente minato lo stato di salute della vittima costretta a ricorrere a terapie farmacologiche per contrastare lo stato d’ansia generato dalle condotte dell’uomo. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Latina e condotte dagli uomini della seconda sezione della squadra mobile e, hanno permesso di ricostruire e delineare un quadro talmente grave e suscettibile di ulteriore aggravamento che ha indotto il P.M. a richiedere ed il GIP ad emettere la misura restrittiva nei confronti dell’indagato, ritenuta indispensabile per scongiurare ulteriori condotte dell’uomo.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it