Home Aprilia News Incendio ad Aprilia, il sindaco Terra e il Direttore della Asl Belardino...

Incendio ad Aprilia, il sindaco Terra e il Direttore della Asl Belardino Rossi spiegano qual è la situazione (VIDEO)

Il Sindaco di Aprilia Antonio Terra questa mattina ha fatto il punto della situazione sull’enorme incendio che domenica sera è divampato in via dei Giardini. Con lui per fare chiarezza anche il direttore dell’Asl di Latina, Belardino Rossi. 

Leggi anche: Aria irrespirabile ad Aprilia, i chiarimenti dell’Arpa sui ritardi dei risultati

‘Sapete tutti quello che è successo rispetto a questa azienda. Domenica notte c’è stato l’incendio devastante sul nostro territorio. Stanno ancora operando i nostri Vigili del Fuoco, stanno facendo uno sforzo immane, insieme alle nostre realtà locali che si occupano di protezione civile. La preoccupazione nostra è stata quella di mettere in sicurezza il sito e chi abita nelle immediate vicinanze. Io mi auguro che la vicenda possa concludersi entro domani. Ora stanno svolgendo un lavoro di rifinitura’

Il Sindaco ha emesso un’ordinanza e sono arrivati anche i primi dati dall’ARPA. ‘Si deve capire se poi modificare o meno l’ordinanza che è in corso’. 

E su quel sito che ha preso fuoco il Sindaco si è così espresso: ‘Il sito dove è insediato questo stabilimento è un sito industriale artigianale ed è stato autorizzato dalla Regione Lazio nel 2000 ed è gestito dal Consorzio industriale Roma Latina. Quel tipo di impianto che nasce nel 2009 è stato autorizzato dalla Provincia di Latina perché è competente per questo tipo di materia. Questo sito nel tempo è stato ampliato. Ad oggi l’azienda lavora circa 140 mila tonnellate di rifiuti non pericolosi: plastica, vetro, carta, cartone e così via. 

‘Noi difenderemo gli interessi della nostra città e dei nostri concittadini. E’ importante che queste attività siano gestite e controllate in maniera compiuta dagli organi preposti. Nei prossimi giorni fondamentale capire l’impatto dell’incendio sul nostro territorio, sulle nostre coltivazioni. 

‘Il fumo a 5 km non era presente. I venti la notte di domenica spiravano verso il mare e quindi il centro abitato di Aprilia presumibilmente non è stato interessato direttamente dalla nuvola di sostanze tossiche. Stiamo aspettando un’indagine dei venti per capire come questa nube sia poi calata sul terreno. Così da fare una campionatura per poter capire com’è la situazione nelle aree attorno alla fabbrica’ – ha dichiarato il direttore dell’Asl. 

Leggi anche: Aprilia. Incendio alla LOAS, arrivati i primi risultati dell’ARPA: superati i limiti, valori più alti che alla ECO-X e al TMB di via Salaria