Connettiti con noi

Cerveteri e Ladispoli News

Natale, Italia zona rossa per le feste: oggi il vertice, ecco le diverse posizioni

Pubblicato

il

Il Natale si avvicina, mancano solo 9 giorni, eppure gli italiani ancora non conoscono le nuove misure stringenti, delle quali non si fa altro che parlare in questi giorni. Italia rossa o arancione? Spostamenti tra Comuni sì o no? Domande che, almeno per il momento, restano senza risposte. Il Governo è al lavoro e sta cercando di mettere a punto nuove disposizioni per evitare assembramenti (come quelli visti nel weekend in tutte le città) e situazioni rischiose che farebbero danni, anche più di quanti ne sono stati fatti in estate.

Leggi anche: Natale, Italia rossa già da sabato e coprifuoco anticipato? Ecco le ipotesi e cosa sta decidendo il Governo

Si teme una terza ondata che va, come ha dichiarato il Premier Conte, scongiurata: “Abbiamo predisposto un piano per le festività natalizie. Forse qualche ritocchino ci sarà. Alla luce dei suggerimenti del Comitato tecnico scientifico qualche misura ulteriore la introdurremo. Ci stiamo riflettendo” – ha spiegato il Presidente del Consiglio. Oggi ci potrebbe essere un altro vertice tra Conte e i capi di delegazione di maggioranza, subito dopo l’intervento del Premier all’incontro organizzato dalla Commissione per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato.

E se Conte, appoggiato dalla ministra Bellanova, è sì per la prudenza e per l’inasprimento delle misure, d’altra parte è sembrato preoccupato per la tenuta economica e sociale dell’Italia. Altri ministri, invece, come Boccia, Speranza e Franceschini, sostengono la linea dura. Un’ala rigorista che sembra essere a favore dell’Italia zona rossa. In quel caso si tratterebbe di un vero e proprio lockdown che andrebbe dal 23 dicembre al 6 gennaio e vedrebbe negozi chiusi e spostamenti consentiti solo se motivati da comprovate esigenze di lavoro, salute o necessità. Anche per gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico le misure contenute nel Dpcm del 3 dicembre scorso vanno irrigidite e c’è bisogno di maggiori controlli: in Italia solo ieri si sono registrati 14.844 nuovi casi ed è risalito, purtroppo, il numero dei morti. Sono state 846 le vittime, quasi il doppio di quelle registrate lunedì.

Leggi ancheCoronavirus, lockdown a Natale? Ipotesi restrizioni più severe per le festività

Quello che è certo è che ci sarà un inasprimento delle misure ora in vigore. Tra le ipotesi anche quella di far chiudere ristoranti e bar nei giorni festivi e prefestivi e di tenere aperti i negozi con un coprifuoco che, però, scatterebbe alle 20 o addirittura alle 18. Per il momento non c’è nessuna ufficialità: si attende il vertice di oggi che potrebbe portare a delle decisioni definitive. 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it