Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Roma, colpo da 50 mila euro all’ambasciata: entrano con la tuta anti Covid per non lasciare tracce, poi brindano

Terribile colpo all’Ambasciata della Corea del Sud. Un gruppo di ladri con la tuta anti-covid ha derubato l’ambasciata

Pubblicato

il

Colpo Ambasciata Corea Del Sud

Incredibile colpo all’Ambasciata della Corea del Sud. Due ladri, vestiti con la tuta bianca utilizzata dai medici nei reparti anti-covid,  hanno deciso di irrompere nell’ambasciata presso la Santa Sede a Roma, in via Mendola, mettendola a soqquadro e svaligiandola. Inizialmente attenti a non lasciare alcuna traccia, si sono fatti tentare però dalla voglia di scolarsi un’intera bottiglia di whisky, segnando così forse il loro destino.

L’ambasciatore e la sua famiglia si trovavano all’interno dell’appartamento, dormendo della grossa, quando è accaduto il fatto. 

Il colpo all’Ambasciata della Corea del Sud 

Il furto, accaduto l’11 Marzo, è stato probabilmente organizzato e pensato nei minimi dettagli. I due, muniti di guanti in lattice, tute anti covid e cappello, per tutta “l’operazione” sono stati attenti a non lasciare alcuna traccia. 

Intorno all’una hanno scavalcato la residenza riuscendo ad entrare senza far scattare l’allarme e senza che nessuno se ne potesse accorgere. I loro movimenti sono stati così precisi da poter pensare che sapessero già dove mettevano i piedi. A tal proposito, c’è un’ipotesi che all’interno dell’ambasciata possa esserci una talpa.

50mila euro di furto

Una volta all’interno, sono riusciti a rubare un finto mobile con all’interno una cassaforte e i documenti dell’ambasciatore, tantissimi gioielli, due quadri e 600 euro. Complessivamente parliamo di un furto di circa 50mila euro

Per i ladri la vicenda si è conclusa addirittura con un brindisi fatto con una bottiglia di whisky trovata nella proprietà. Il loro mancato autocontrollo però potrebbe costargli caro: gli investigatori hanno trovato due bicchieri con le tracce biologiche.

L’ambasciatore era nella proprietà con la famiglia

Durante la notte, l’ambasciatore Kyu Ho Choo e la sua famiglia dormivano beati nelle loro rispettive stanze. Ignari di tutto non si sono mai svegliati non c’è stata nessuna aggressione da parte dei malviventi. 

Il loro risveglio però non è stato sicuramente dei migliori. Nonostante nessuno abbia avvertito malori o mal di testa, dovuti a qualche sostanza narcotizzante, la villa era letteralmente sottosopra. Tutti gli allori dell’ambasciatore portati via e la parete spoglia da diversi quadri. 

L’indagine

L’indagine è ancora in corso. Ad occuparsene gli investigatori del distretto Ponte Milvio della polizia di Stato. Al momento hanno due bicchieri con tracce di Dna che potrebbero portare ad un risultato. 

Fortunatamente poi, anche se il sistema di allarme non era stato inserito, le telecamere a circuito chiuso hanno ripreso i movimenti dei due riuscendo ad evidenziare il modello dell’auto con la quale i due sono fuggiti via. 

Leggi anche: Tragico incidente sulla Casilina: Alisia muore a soli 20 anni

rapina e violenza sessuale

polizia

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy