Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Stop all’acqua frizzante nei supermercati? Il caso Sant’Anna, manca l’anidride carbonica

Pubblicato

il

Acqua frizzante scarseggia

Prima la corsa per fare il pieno di benzina, poi la ‘lotta’ nei supermercati per accaparrarsi più prodotti possibili e le immagini degli scaffali vuoti che hanno fatto il giro del web (e non solo). Questo accadeva quando è stato annunciato il primo lockdown in Italia, poi quando è scoppiata la guerra in Ucraina e gli italiani hanno dovuto fare i conti con i rincari. Ma ora gli ‘scaffali’ rischiano davvero, in Italia, di restare vuoti. O meglio, senza acqua frizzante.

Sant’Anna e lo stop all’acqua frizzante: ecco perché 

Il più grosso produttore europeo di acque oligominerali ha fermato la produzione dei prodotti gassati. Il motivo? Manca l’anidride carbonica. E il caso dell’azienda Sant’Anna è emblematico. Come ha spiegato il presidente e l’amministratore delegato Alberto Bertone, all’Ansa, la “Co2 è introvabile e anche tutti i competitori sono nella stessa situazione. Siamo disperati, è un altro problema gravissimo che si aggiunge ai rincari record delle materie prime e alla siccità che sta impoverendo le fonti”. 

La stessa cosa, a quanto pare, era già successa l’anno scorso, ma fortunatamente l’emergenza era presto rientrata. Ora, invece, l’allerta resta massima. E riguarda tutti ‘i produttori europei’. 

Cosa rischiamo di non trovare nei supermercati

La ‘colpa’ di tutto questo è della crisi energetica. L’acqua frizzante che si trova in Italia, d’altra parte, è costituita da acqua minerale addizionata con l’anidride carbonica mediante il processo di carbonazione. Ma la Co2 è introvabile. E questo potrebbe causare problemi anche alla produzione dei dolci, che ha bisogno di gas addizionato. La paura di tutti, quindi, è che finiscano le scorte. E gli scaffali restino davvero vuoti. 

Le aziende di Co2 ci spiegano che preferiscono destinare la produzione al comparto della sanità – ha dichiarato Bertone – noi saremmo disposti a pagarla di più anche se già costava carissima, ma non c’è stato verso di fare cambiare idea ai nostri fornitori. Così – ha concluso – l’acqua gasata rischia di finire: una volta finiti gli stock nei magazzini di supermercati e discount, non ci saranno più bottiglie in vendita”.

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy