Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Superbonus 110%, arriva la proroga per le unifamiliari: ecco come funziona e quando scade

Pubblicato

il

In foto una casa e il bonus 110% per costruirla

Buone notizie per chi sta costruendo una casa perché ieri pomeriggio il Governo, tra le tante misure, ha anche prorogato il bonus Superbonus 110%, quello per edifici e villette unifamiliari. La misura, che sarebbe scaduta il prossimo 30 giugno, è stata estesa fino al 30 settembre: è questo il termine per effettuare almeno il 30% dei lavori complessivi. 

Leggi anche: Superbonus 110: lavori non ultimati, problemi, agibilità, collaudo, tutte le informazioni

Quali sono i requisiti per richiedere il Superbonus 110%

Come spiega il Governo sul sito ufficiale, questa misura del Superbonus, come dice il nome stesso, consiste in una detrazione al 110% sulle spese sostenute per interventi effettuati da “condomìni, persone fisiche al di fuori dell’attività di impresa, Istituti autonomi case popolari (IACP), cooperative di abitazione a proprietà indivisa, organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociali, associazioni e società sportive dilettantistiche, persone fisiche che risiedono in edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate possedute da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche”. 

E ancora, “chi vive in un edificio unifamiliare, o in unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno, può svolgere i lavori, sia trainanti che trainati, sulla propria singola abitazione. Chi vive in un edificio plurifamiliare, al contrario, deve innanzitutto svolgere i lavori trainanti sulle parti comuni. Può successivamente effettuare gli interventi trainati anche sulla singola unità immobiliare e sulle parti comuni. Le persone fisiche possono effettuare i lavori su un massimo di due unità abitative, fermo restando il riconoscimento della detrazione sulle spese per gli interventi sulle parti comuni degli edifici plurifamiliari che sono invece sempre possibili”. 

Cosa fare, quali sono i lavori

Il Superbonus, si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate, spetta in caso di:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
  • interventi antisismici.

Ma non solo. Rientrano nel Superbonus anche le spese per interventi eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali di isolamento termico, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o di riduzione del rischio sismico. Si tratta di:

  • interventi di efficientamento energetico
  • installazione di impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo
  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche (16-bis, lettera e del Tuir).

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy