Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Valeria Marini e la truffa del cortometraggio: 16mila euro per un progetto mai realizzato

Pubblicato

il

Truffa a Valeria Marini

Era stata chiamata per realizzare ed interpretare un cortometraggio. Il progetto però non è mai andato in porto ed ora la causa è aperta. Al centro della vicenda c’è la showgirl Valeria Marini, assieme ad un’altra persona che nel processo si è costituita parte civile. La donna ritiene responsabile dell’accaduto Giuseppe Milazzo, lo stesso uomo che adesso sta affrontando un processo per aver sottratto alla madre della showgirl 300mila euro. 

Leggi anche: Valeria Marini definita ‘sciagura’ da Cristiano Malgioglio: ‘Ci sono rimasta malissimo’

Valeria Marini e la truffa del corto mai realizzato 

L’uomo, catanese di 48 anni, adesso è stato denunciato per aver coinvolto la donna in un cortometraggio che avrebbe dovuto produrre e interpretare e per il quale avrebbe chiesto un finanziamento di 16mila euro. Ma non solo, il 48enne avrebbe chiesto 20mila euro anche ad un’altra persona che adesso è parte civile nel processo. Il corto tuttavia non è stato mai realizzato e le donne ritengono di esser state vittima di una truffa. 

La procura 

Ieri però la Procura si è espressa a favore dell’archiviazione del caso, considerandola una questione da affrontare in un tribunale civile. La faccenda, inoltre, resta di difficile comprensione in quanto — secondo la difesa dell’uomo — l’interruzione del corto, il motivo per il quale il progetto non sarebbe decollato è da imputare anche alle esigenze dell’attrice. In merito alla questione il giudice si è riservato di decidere. 

 

«Ciao nonna, mi puoi fare una cortesia?», 87enne truffata e derubata di 5mila euro

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy