Connettiti con noi

Cronaca

Covid, dal 1 giugno tre Regioni in zona bianca, dal 7 ulteriori tre: tutte le date per le riaperture

Pubblicato

il

Linee guida Green Pass sul lavoro, in arrivo nuovo Dpcm per il 15 ottobre 2021: novità, regole, controlli e sanzioni

Pomeriggio cruciale in ottica delle misure anti Covid per il nostro Paese. Dopo la conclusione della cabina di regia è in corso il Consiglio dei Ministri che formalizzerà tutte le decisioni in materia di riaperture e coprifuoco. Tra le novità importanti anche il ritorno di alcune Regioni in zona bianca. 

Leggi anche: Cabina di regia, tutte le decisioni: «Coprifuoco subito alle 23 poi via dal 21 giugno», matrimoni, ristoranti, palestre, segui la diretta LIVE

Dal 1 giugno tre Regioni in zona bianca, poi altre tre

Dall’1 giugno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna saranno in zona bianca, dal 7 giugno anche Abruzzo, Veneto e Liguria. Nelle regioni in zona bianca varranno solo le regole di comportamento (uso della mascherina e distanziamento), non ci sarà coprifuoco. Queste alcune proposte emerse dalla cabina di regia sull’emergenza Covid, secondo fonti di Palazzo Chigi, e che a breve saranno sul tavolo del Consiglio dei Ministri.

Coprifuoco: cancellazione dal 21 giugno, dal 7 fissato a mezzanotte

In zona gialla sono previste riaperture e graduale abolizione del coprifuoco. Sarà spostato da subito alle 23 con l’entrata in vigore del nuovo dl, poi alle ore 24:00 a partire dal 7 giugno. Il superamento totale del coprifuoco scatterà dal 21 giugno.

Ristoranti e bar al chiuso, cosa cambia

Dal 1 giugno sarà consentito anche al chiuso il consumo al tavolo dalle ore 5 alle ore 18, mentre in Consiglio dei Ministri sarà proposta la riapertura dei ristoranti al chiuso anche la sera, sempre dall’1 giugno.

Centri commerciali nei weekend

Per gli esercizi commerciali in mercati e centri commerciali, gallerie e parchi commerciali nelle giornate festive e prefestive, la proposta che arriverà in Consiglio dei Ministri è la riapertura a partire dal 22 maggio (primo weekend successivo al decreto).

Pubblico ed eventi sportivi

La presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1000 persone all’aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Piscine, centri termali

Dal 15 maggio hanno riaperto le piscine all’aperto, dall’1 giugno toccherà alle palestre, dall’1 luglio ai centri termali. E’ quanto emerge dalla riunione della cabina di regia, secondo quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi. In Consiglio dei Ministri sarà proposto di anticipare al 24 maggio della riapertura delle palestre. Riapertura a partire dall’1 luglio per piscine al chiuso e centri benessere.

Sale giochi, bingo e casinò

Per sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò riapertura dall’1 luglio, per parchi tematici e di divertimento anticipata la riapertura al 15 giugno. Le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso invece restano sospese. La ripartenza delle feste successive a cerimonie civili o religiose sarà dal 15 giugno, anche al chiuso. Agli ospiti sarà richiesto il pass.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it