Connettiti con noi

Cronaca

Cos’è l’operazione London Bridge e cosa succede in caso di morte della Regina Elisabetta

Pubblicato

il

Regina Elisabetta

Il protocollo che il governo britannico deve adottare in caso di morte della regina Elisabetta II è denominato “London Bridge”.

Le condizioni della regina sembrano essere peggiorate.

Il black out dei social

Se Elisabetta II non dovesse farcela tra i documenti previsti per l’operazione London Bridge vi è anche un black out sui social media.

Il sito di Buckingam Palace sarà sostituito da una pagina nera con una breve frase che dichiara la morte della sovrana  e anche tutti gli altri siti del governo britannico avranno un banner nero. Tutto resterà fermo. Niente verrà pubblicato se non fosse di estrema urgenza.

I primi a essere informati sulla notizia saranno il premier e i Ministri di governo con la Frase: “London Bridge è crollato”.

Il rito funebre e l’ascesa di Carlo al trono

La bara sarà portata in corte da Buckingam Palace a Westminister dove sarà esposta al pubblico per 23 ore al giorno per 3 giorni. Il rito funebre verrà celebrato dieci giorni dopo la morte.

A seguire ci sarà l’operazione “Spring Tide” che prevede l’ascesa al trono di Carlo. Il discorso del nuovo Re verrà trasmetto alle 6 del pomeriggio dopo una udienza con la prima ministra Truss.

Come sta la Regina Elisabetta? Allarme per la sua salute, Carlo è a Balmoral

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy