Connettiti con noi

Ultime Notizie Politica

Fringe benefit e il bonus da 3.000 euro del Governo Meloni: a chi spettano

Pubblicato

il

Confermata la proroga di Opzione Donna per il 2023 ma chi ne potrà beneficiare? E quali sono le novità? Ecco cosa sapere

Ora che il nuovo governo di centro destra con a capo il Presidente Giorgia Meloni è insediato, tutti gli occhi sono, costantemente, puntati sulle misure che l’esecutivo deciderà di approvare. Tra di esse anche quella inerente all’innalzamento della soglia dei Fringe Benefits. Ma di cosa si tratta e quali sono i cambiamenti per i lavoratori? 

Colosseo, ultradestra attacca Giorgia Meloni con uno striscione

Cosa sono i Fringe Benefits del governo Meloni? 

Con il Decreto aiuti quater, il governo di Giorgia Meloni ha previsto l’nnalzamento del tetto per i Fringe Benefit. Quest’ultimi passeranno da 600 a 3mila euro. Ma cosa sono i fringe benefits? In primis, va detto che quest’ultimi rientrano nella sfera del welfare aziendale e nella fattispecie sono i premi esentasse che le imprese possono concedere ai propri dipendenti. Ne sono un esempio i buoni spesa oppure i buoni benzina. In ogni caso questa tipologia di agevolazioni non concorre alla formazione del reddito imponibile, il quale è soggetto al calcolo delle aliquote per il pagamento delle tasse. 

La bozza del Decreto Aiuti Quater 

Stando alla bozza del Decreto Aiuti Quater, approvata in consiglio dei ministri lo scorso 10 novembre, è previsto che l’attuale tetto per questa tipologia fi agevolazioni passi da 600 a 3mila euro, includendo anche le bollette ma solo per il periodo di imposta 2022. Va però precisato che i rimborsi possono riferirsi anche a fatture che saranno emesse nel 2023, purché riguardino consumi effettuati nell’anno precedente, ovvero nel 2022.

In quest’ultimo caso, tuttavia, per far arrivare i soldi al lavoratore si profila una vera e propria corsa contro il tempo in quanto l’importo potrà essere erogato entro il 12 gennaio 2023. Affinché un dipendente possa ottenere i fringe benefit anche fino a 3mila euro deve rivolgersi al proprio datore di lavoro ma va sottolineato che le imprese non sono obbligate a concedere tali agevolazioni né con il vecchio tetto di 600-euro né con il nuovo di 3mila euro. 

 

Pensioni e quota 41, aumenti per chi continua a lavorare: cosa potrebbe cambiare con il Governo Meloni

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy