Home News Cronaca Pomezia, ‘figuraccia’ di fronte all’Italia: Striscia la Notizia difende i disabili contro...

Pomezia, ‘figuraccia’ di fronte all’Italia: Striscia la Notizia difende i disabili contro la… ‘sparizione’ dei dipendenti comunali

CONDIVIDI

Non ne esce bene, Pomezia, dal servizio andato in onda questa sera su Striscia la Notizia, il TG satirico di Canale 5. Anzi, la figura è di quelle davvero brutte, orribili: un Comune, inteso come sua macchina amministrativa, che scappa pur di non affrontare una delle categorie più deboli dei suoi cittadini, i disabili.

Come ampiamente documentato da Charlie Gnocchi, ovvero Mr. Neuro, né la Dirigente dei servizi sociali né gli altri dipendenti del Comune di Pomezia – tranne una persona che ha semplicemente detto di non poter nemmeno chiamare i responsabili del servizio – hanno avuto il coraggio di ricevere i disabili andati a protestare a causa delle esorbitanti cartelle esattoriali pervenute come conto, salatissimo, per l’assistenza domiciliare. Stessa sorte per la troupe di Striscia, che si è vista letteralmente sbattere la porta in faccia dai dipendenti che, alla vista delle telecamere, si sono barricati tutti in un ufficio, chiudendo a chiave, lasciando tutte le altre stanze del secondo piano della struttura di piazza S. Benedetto vuote.

Per farsi aprire, Gnocchi ha anche chiesto l’intervento di due agenti della polizia locale. Dopo aver bussato più volte senza esito, i due vigili hanno contattato telefonicamente i dipendenti all’interno della stanza e sono riusciti a farsi aprire, ma ad entrare sono stati solo loro: i disabili e Striscia sono rimasti fuori, nonostante l’invito di Gnocchi a rilasciare almeno una dichiarazione.

Una scena che definire pietosa è forse un complimento: sarebbe bastato che uno dei responsabili del settore, meglio ancora se la dirigente, avesse avuto il “coraggio” (coraggio di che? Nessuno aveva intenzione di picchiare o aggredire) di dire, molto semplicemente, che dal momento che l’amministrazione è stata commissariata per avere risposte occorre aspettare che si insedi un nuovo sindaco e una nuova giunta.

E invece neanche quello. I disabili sono stati ancora una volta ignorati e umiliati, lasciati per quasi un’ora ad aspettare un’udienza che non ci sarebbe mai stata nonostante fosse orario di ricevimento al pubblico.

Questa è la (pessima) immagine che Pomezia ha dato di sé all’Italia: una città dove i disabili non possono vivere e dove i dipendenti pagati con i soldi dei cittadini preferiscono scappare invece di provare a risolvere i loro problemi o, almeno, a mostrare loro un po’ di comprensione.

Di quanto andato in onda questa sera vi avevamo già tempestivamente raccontato il 10 maggio, attraverso una diretta e due dettagliati articoli

Adesso a raccontarlo è direttamente il TG di Antonio Ricci, attraverso il servizio di Mr. Neuro che, come promesso tornerà a Pomezia fino a quando questa questione non sarà risolta.

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/disabili-in-difficolta-a-pomezia_36084.shtml

 

 

CONDIVIDI
CONDIVIDI