Connettiti con noi

Ardea

Tor San Lorenzo, brutta scoperta: tutte morte le tartarughine (foto)

Pubblicato

il

La schiusa che non avveniva mai ha messo in allarme i biologi della Stazione zoologica “Anton Dohrn” di Napoli, che oggi hanno voluto verificare cosa fosse successo alle uova di tartaruga marina deposte sulla spiaggia di Tor San Lorenzo lo scorso 5 luglio. I tempi erano infatti ormai stati superati e non vedere nessuna tartarughina uscire e dirigersi verso il mare ha fatto venire molti dubbi agli scienziati che hanno quindi deciso di scavare delicatamente nella sabbia e verificare le condizioni del nido.

Ma la sorpresa è stata davvero amara: nonostante le precauzioni prese da volontari e biologi, le tartarughine non hanno proprio avuto modo di svilupparsi al punto da consentire la schiusa. Un centinaio di uova, infatti, sono state attaccate dai parassiti e questo ha bloccato lo sviluppo delle tartarughe allo stadio embrionale.

Gianluca Treglia, biologo della stazione zoologica napoletana, spiega che una delle cause potrebbe essere il tipo di sabbia presente a Tor San Lorenzo, non idonea allo sviluppo degli embrioni e quindi alla nascita delle tartarughe.

Gli studiosi hanno raccolto le uova attaccate dai parassiti per aprirle completamente in laboratorio, dove saranno analizzate.

Al momento dello scavo e della scoperta si trovava sul posto anche la sindaca di Roma Virginia Raggi.
(foto pagina Facebook della campagna Jairo Mediterraneo di Sea Shepherd)

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy