Connettiti con noi

News

Vaccino AstraZeneca in spray nasale, in fase di test la nuova cura contro il Covid

Pubblicato

il

Asl Lazio 16 ottobre 2021

Sono ormai quasi due anni che il mondo è stato colpito dall’epidemia di Coronavirus. In questo arco di tempo la ricerca scientifica è andata avanti ad un’estrema velocità, come testimoniano i tempi record con cui sono stati messi a punto i vaccini. A riguardo un’importante novità arriva dal vaccino inglese AstraZeneca. È infatti in fase di sperimentazione la somministrazione di questo medicinale sottoforma di spray nasale. 

Leggi anche: Variante Delta, qual è il vaccino più efficace tra Pfizer e AstraZeneca: i risultati dello studio

Vaccino AstraZeneca in spray nasale

Testato su macachi e criceti il vaccino proposto in forma di spray nasale si è dimostrato efficace sia nel prevenire l’infezione sia nel ridurre le particelle virali che possono trovarsi nella mucosa nasale. L’esito è stato pubblicato nella rivista Science Translational Medicine dai ricercatori dell’Univeristà di Oxford in collaborazione con i National Institute of Health americani. Ciò ha reso possibile l’inizio dei primi test clinici di fase 1 su 54 volonatari sani.

I vantaggi della somministrazione del vaccino AstraZeneca in spray nasale sono diversi: prima di tutto si potrebbe evitare l’uso dell’ago ed in seconda battuta si potrebbe controllare meglio il virus. Da quest’ultimo punto di vista studi preclinici sui macachi hanno evidenziato che i vaccini anti Covid somministrati per via intramuscolare, nonostante siano efficaci nel prevenire la malattia, inducono una bassa risposta immunitaria a livello delle mucose; non riuscendo ad eliminare del tutto la presenza dell’Rna virale dai tamponi nasali. Questo vuol dire che il virus potrebbe comunque replicarsi nelle vie aeree superiori dei vaccinati aumentando così il rischio di trasmissibilità. È proprio per superare questo problema che gli studiosi hanno riformulato il vaccino Astrazeneca in sparay nasale. Da questo punto di vista, i test condotti su criceti e primati forniscono risposte positive, in quanto evidenziano che il vaccino stimola la produzione di anticorpi e protegge dall’infezione. 

Leggi anche: Paura del vaccino? Il Codacons regala una polizza assicurativa: come fare domanda, indennità e come funziona


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it