Connettiti con noi

News Tecnologia

Caricabatterie universale, c’è l’accordo in UE: come funziona e quando sarà attivo

Pubblicato

il

Caricabatterie universale. raggiunto l'accordo UE

Caricabatterie universale. Dopo anni di richieste e discussioni, l’idea è diventata realtà. A comunicarlo via social la Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori del Parlamento europeo (Imco).

Via libera dunque al caricatore unico di tipo Usbc per smartphone, tablet e tutti gli altri device nell’Unione Europea. Le nuove regole riguarderanno tutti i dispositivi elettronici a prescindere dal loro brand di appartenenza. 

Leggi anche: WhatsApp Web, a rischio la privacy degli utenti: ecco come si controlla

Caricatore Universale, trovato l’accordo: la normativa 

Il Consiglio e il Parlamento europeo hanno trovato l’accordo sulla direttiva che imporrà a tutti i produttori di offrire ai clienti un caricabatterie universale per telefonini, tablet e ogni altro apparecchio elettronico. Così facendo, gli utenti non saranno obbligati a comperare un diverso caricatore per ogni nuovo apparecchio acquistato. 

Il fine del provvedimento è anche quello di ridurre la quantità di rifiuti elettronici che viene prodotta ogni anno, come testimonia la separazione delle vendite dei caricatori da quella dei dispositivi.

La richiesta non è nuove alle aule di Bruxelles,  infatti,  era già da diverso tempo che il Parlamento e l’Imco chiedevano una soluzione comune per i caricatori, invitando più volte la Commissione europea ad agire. 

I dissensi

In merito, la norma segna una sconfitta per il colosso Apple che ha un diverso caricatore per i suoi Iphone e per alcuni Ipad. Infatti l’azienda ed alcune associazioni di consumatori si sono battute strenuamente per l’adozione di uno standard unico.

Alla fine ha però prevalso la linea opposta. Va anche detto che il decreto introduce una tecnologia di ricarica rapida armonizzata così da permettere agli utenti di caricare i propri device alla stessa velocità con qualsiasi caricabatterie. 

Quando sarà attivo

Infine, come ha annunciato il parlamento europeo, la nuova norma prevede l’adozione del caricabatterie universale entro l’autunno del 2024. Clausola questa che però non è valida per i computer portatili, per i quali l’adozione del caricabatterie universale è rinviata a 40 mesi dall’adozione. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy