Connettiti con noi

Sociale

Riscaldamenti giù di un grado, chi controlla? Ecco come funzioneranno le verifiche

Pubblicato

il

Riscaldamenti abbassati di un grado e per un'ora in meno. Ma chi controlla?

È duplice il fine del piano diffuso dal ministero per la riduzione dei consumi energetici. Infatti, se da un lato si punta a contrastare i rincari sulle bollette, letteralmente lievitati a causa del maggiorato costo dell’energia, dall’altro, l’obiettivo è quello di assicurarsi che in caso di taglio totale delle forniture di gas russo, il paese non venga colto alla sprovvista, impreparato. 

Leggi anche: Da No Vax a No Tax, la manifestazione in piazza San Giovanni contro il caro bollette

Controlli sui riscaldamenti: le parole di Cingolani 

Per fare in modo che il piano risulti efficace, limitando al massimo gli sprechi energetici verranno sì effettuati dei controlli, ma — è bene precisarlo — non sono previste sanzioni o multe per coloro che non si adeguano. Dunque, nessuno entrerà nelle abitazioni dei cittadini per verificare la temperatura dei caloriferi, chiare le parole del ministro Cingolani: ‘Le misure di risparmio sono prima di tutto legate alla consapevolezza e alla responsabilità dei cittadini. Nelle abitazioni private ovviamente si farà ricorso a misure volontarie’. 

Il piano 

Accendere i termosifoni un’ora in meno e abbassati di un grado. Ecco quanto previsto dal Piano del Ministero. Negli edifici pubblici e per gli impianti centralizzati si passerà da 20 a 19 gradi mente l’accensione dei riscaldamenti verrà ritardata di 15 giorni. Come detto, non ci saranno multe per coloro che non rispetteranno il piano ma saranno comunque effettuati dei controlli tesi a garantirne un’efficiente applicazione. Per esempio, sugli edifici pubblici e gli impianti condominiali potranno essere applicati dei monitoraggi sul livello medio di consumo giornaliero. 

Il risparmio

Tuttavia, va precisato che se applicato correttamente il Piano potrebbe portare a dei risparmi significativi. Secondo le stime dell’Agenzia per l’energia, Enea, sarebbero circa 2,7 i metri cubi di gas risparmiati. Numeri alla mano questo vorrebbe dire circa 178 euro in meno all’anno — sulla media dei prezzi attuali — per le famiglie. 

 

Caro bollette e termosifoni spenti, l’esperto: ‘In casa con 19 gradi? Ottimo, fa anche dimagrire’

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy