Connettiti con noi

Cronaca

Decreto Natale: dai pranzi in famiglia all’uscita dalla Regione, come aggirare il Dpcm

Pubblicato

il

Giuseppe Conte

Dopo il decreto Natale, nelle case degli italiani non si parla d’altro che di come ci si potrà organizzare per trascorrere le festività. Ogni legge ha i suoi inganni e sono tanti quelli già emersi che potrebbero permettere una violazione del decreto senza incorrere in sanzioni. I controlli e le restrizioni sono “rivolti alla responsabilità dei cittadini”, ha spiegato Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli studi di Milano, eppure in molti hanno già trovato degli escamotage

Leggi anche:  Coronavirus, pranzo di Natale e spostamenti per andare da amici e parenti: si potrà andare in un altro Comune?

Le scappatoie nel decreto 

Nel testo del presidente Giuseppe Conte si legge che tra il 24 dicembre ed il 6 gennaio 2021 sono consentiti gli spostamenti “verso una sola abitazione privata, ubicata nella medesima regione, una sola volta al giorno in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le 22, e nei limiti di due persone“. Se ne deduce che in una macchina potranno viaggiare al massimo due persone che potranno andare, ad esempio, a casa dei propri genitori, che vivono nel comune accanto. 
Da questa dichiarazione emergono già due problematiche: la prima, è che utilizzando più macchine anche gruppi di sei persone potrebbero ritrovarsi nella medesima casa; la seconda invece riguarda i controlli all’interno dell’abitazione che non possono essere effettuati. “Un sistema liberal-democratico non manda la Polizia in casa, a meno che non ci sia una flagranza di reato, noi non entriamo nelle case degli italiani, è un decreto concepito come forte limite alla circolazione. Si esce con l’autocertificazione” così risponde Conte alle domande dei giornalisti sul decreto. 

Leggi anche:  Decreto Natale 2020: tutte le misure nel testo della Gazzetta Ufficiale

La responsabilità degli italiani 

Un’altra nota poco chiara è quella riguardante le visite extra-regionali per andare a trovare un anziano non autosufficiente. Ogni cittadino violando le restrizioni va incontro a probabili sanzioni, ma come si può provare che un parente over 70 abbia o meno bisogno di assistenza? 
E’ chiaro che Conte si appella alla responsabilità degli italiani e sarebbe forse impossibile calcolare ogni singola scappatoia alle misure previste. E’ anche giusto però dire che gli italiani hanno più volte raggirato i precedenti decreti: cosa rende il premier sicuro che questa volta non accadrà? 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it