Connettiti con noi

Cronaca

Lazio zona arancione: congiunti, torna il divieto di vedersi se abitano fuori Comune

Pubblicato

il

Due persone che indossano la mascherina per proteggersi dal COVID

Congiunti. Quel termine che tanto mesi fa aveva fatto discutere e sul quale era subito montata la polemica, torna con prepotenza a farsi sentire. Ingombrante come non mai. Pensavamo di esserci buttati alle spalle la questione “congiunti”, ma ci sbagliavamo. Il tempo passa, i Dpcm si rincorrono, i Decreti Legge ogni tanto spuntano qua e là, ma la confusione e quella che agli occhi di tanti è “illogicità” restano. Quasi come se fossero delle “tristi” costanti di un periodo tutto da dimenticare. A “ribellarsi” alle nuove misure in vigore dal 16 gennaio sono ancora una volta i congiunti che vivono in Comuni diversi e che si trovano nelle Regioni in fascia arancione o rossa.  Fidanzati, compagni, “affetti stabili” con l’unica colpa di risiedere in Comuni diversi. A volte a pochissimi chilometri l’uno dall’altro. E se a Natale ci è stata “data la possibilità” di spostarci, minimo in due, verso una sola abitazione privata per visitare amici e parenti a prescindere dalla zona rossa e arancione, ora questo sembra non essere più possibile. 

Leggi anche: Decreto legge 16 gennaio 2021: spostamenti tra Regioni bloccati fino al 15 febbraio e tutte le altre novità

“E’ consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono – si legge in una nota del Governo. Tale spostamento può avvenire all’interno della stessa Regione, in area gialla, e all’interno dello stesso Comune, in area arancione e in area rossa, fatto salvo quanto previsto per gli spostamenti dai Comuni fino a 5.000 abitanti”

Leggi anche: Lazio zona arancione dal 17 gennaio 2021: cosa (non) si può fare

Sui social, non appena è stata diffusa questa nota, l’hashtag #congiuntifuoricomune è diventato presto di tendenza. Continua ad esserci tanta rabbia e indignazione: in molti stanno provando a trovare un senso logico a questa misura. Sensatezza che difficilmente si riesce a trovare. Perché non dare la possibilità a due fidanzati di vedersi? Qui non si tratta di movida, di puntare il dito contro gli assembramenti o contro i giovani, spesso considerati e visti come “i colpevoli”. Qui ci sono di mezzo gli affetti che, ancora una volta, rischiano di viversi solo attraverso lo schermo di uno smartphone. E se è vero che bisogna “proteggere la salute”, chi pensa a tutelare i congiunti e le relazioni affettive? 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy