Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Roma, 17enne violentata la notte di Capodanno. Gli aggressori ai genitori: ‘Se semo divertiti’

Pubblicato

il

Stalkng Latina, ammonito un 34enne

L’hanno forse drogata, poi hanno abusato di lei, di una ragazzina di appena 16 anni. Un incubo, una notte di Capodanno, quella dello scorso anno, che la vittima difficilmente (e purtroppo) dimenticherà. Una violenza avvenuta tra il 31 dicembre del 2020 e il 1 gennaio del 2021 in una villetta in zona Primavalle, dove alcuni ragazzi, durante una festa organizzata (nonostante i divieti legati al Covid) hanno violentato in branco una giovane, figlia di un diplomatico spagnolo. Vittima che ha denunciato l’episodio presso la Stazione dei Carabinieri di Roma La Storta, che hanno poi identificato tre ragazzi, tutti di età compresa tra i 19 e i 21 anni. Due di loro sono agli arresti domiciliari, uno invece è sottoposto all’ obbligo di presentazione alla P.G. con obbligo di dimora a Roma e tutti sono gravemente indiziati, a vario titolo, di violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo aggravata.

Leggi anche: Roma, violentano 17enne la notte di Capodanno: arrestati due ragazzi

Roma, violentano una 16enne la notte di Capodanno: il racconto

“Non riuscivo a camminare, fissavo i muri, ho bevuto e fumato, non so se qualcuno mi ha messo qualcosa nel bicchiere, ho iniziato a perdere i sensi, come se fluttuassi fuori da me stessa”. Queste le dichiarazioni, riportate da Repubblica, della ragazza che, all’epoca dei fatti, non aveva ancora compiuto 17 anni. Ero in una stanza con dei ragazzi che mi stavano toccando, ho fatto resistenza, ma più di tanto non potevo perché non avevo forza, non avevo consapevolezza. dei ragazzi intorno a me mi insultavano, uno mi ha tirata per i capelli, uno mi ha preso la testa… Quando mi sono svegliata mi sentivo come se avessi i postumi della droga, avevo male dappertutto. Sono andata in bagno e ho guardato le gambe: erano piene di lividi. E anche sulle braccia. C’era sangue e avevo addosso solo una felpa non mia”. Un risveglio traumatico, uno choc per una ragazzina che di quella notte non ricorda nulla. Un addio al vecchio anno e un benvenuto al nuovo tinto di ‘violenza’, di abusi, di ragazzi che hanno approfittato di quella condizione di inferiorità psico-fisica. Di una 16enne inerme, non in grado di difendersi, di ribellarsi. “Non riuscivo a fare niente, neanche a parlare. Ero sola su un materasso senza lenzuola e coperte – ha raccontato.  Sono scoppiata a piangere e a casa della mia amica, in bagno, non riuscivo neanche a guardarmi, provavo schifo per quello che era successo e non riuscivo a toccare il mio corpo. Il giorno dopo mi hanno detto che un ragazzo ha mostrato a tutti la mia maglietta sporca di sangue”. 

Leggi anche: Orrore a Latina, padre abusa della figlioletta e la minaccia: ‘Ti sfregio con l’acido’

Le intercettazioni choc degli aggressori

Al racconto della vittima seguono le intercettazioni choc dei tre ragazzi, poi identificati e fermati dai Carabinieri. Conversazioni che lasciano senza parole, discorsi tra gli aggressori e i loro genitori. Quasi una consapevolezza che spaventa. Uno degli indagati, infatti, dice alla madre (stando alle intercettazioni riportate da Repubblica): “Io te lo dico… io una me la so’ proprio… proprio a divertimme, mà”. E ancora: “Lo sai che j’ha detto… de me? Che manco me la so sc… meno male..”. “Cioè tu mandi tua figlia a 16 anni col lockdown, oltretutto n’abiti manco qua, a una festa e poi la mattina dopo te svegli e denunci? Ma che sei, infame? Cioè sei proprio un vile, un verme, miserabile” – tuona un altro indagato. Intanto, le indagini sono ancora in corso, l’attività dei Carabinieri non cessa. Con la speranza di mettere la parola fine, una volta per tutte, a un incubo che la 16enne difficilmente dimenticherà. Una violenza che non riuscirà a cancellare. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy