Connettiti con noi

Cronaca

Roma, precipitò nell’ascensore della metro morendo a soli 4 anni: condannato dipendente ATAC

Pubblicato

il

Cadde a soli 4 anni precipitando per 22 metri all’interno dell’ascensore della fermata della metro Furio Camillo. Morì sul colpo, Marco, un bimbo di soli 4 anni: era il 9 luglio 2015. Oggi, un dipendente Atac che intervenne per liberare mamma e figlio dall’ascensore rimasto bloccato, è stato condannato.

Leggi anche: Roma, morte di Maddalena Urbani. Arrestato per omicidio ‘zio Cassi’, il 64enne che ospitava la 21enne

La tragedia e la condanna

A 5 anni esatti dalla tragedia in cui perse la vita marco, un bimbo di soli 4 anni, un dipendente Atac è stato condannato a 2 anni di reclusione dal tribunale di Roma: l’accusa è di omicidio colposo. Il 9 luglio, il dipendente, tentò di liberare mamma e bimbo dall’ascensore rimasto bloccato e per farlo era salito con un montacarichi fino alla porta dell’ascensore, aprendola. A quel punto il piccolo Marco è corso verso “l’uscita”, ma è precipitato da 22 metri, morendo sul colpo. Dopo 5 anni di indagini, è stato chiarito che il dipendente non era autorizzato a compiere questa manovra di apertura delle porte, né a utilizzare la chiave di emergenza per aprile. Doveva infatti attendere l’arrivo della squadra di emergenza Atac.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it