Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Bonus sociale luce e gas: come funziona, a chi spetta e come fare domanda

Pubblicato

il

I rincari delle bollette di luce e gas aggravano la situazione di difficoltà per cittadini e imprese, fortemente provati dalla crisi economica post-pandemia. Nel tentativo di alleggerire tale contesto, il governo ha stanziato con la Legge di Bilancio 2022 (Legge 30 dicembre 2021, n. 234) un fondo di risorse economiche destinate a contenere gli aumenti delle bollette di luce e gas.

Bonus sociale luce e gas

Nel caso del bonus sociale luce e gas si tratta di una riduzione delle spese sulle bollette di elettricità e gas naturale e consiste nella possibilità di usufruire di uno sconto in bolletta per tutti gli utenti domestici e non domestici. Ad essere interessati dall’agevolazione saranno circa 29 milioni di utenze domestiche e 6 milioni di utenze non domestiche.

Come richiederlo

Dal 2021 queste agevolazioni sono riconosciute in automatico ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, presentando la DSU (Dichiarazione sostitutiva unica) per l’Isee all’Inps, che fornirà i dati direttamente al Sistema informativo integrato, gestito dalla società Acquirente Unico Spa.

Inoltre il Decreto Sostegni ter con un provvedimento da 540 milioni di euro ha previsto ulteriori agevolazioni per le imprese energivore che, rispetto al 2019, hanno visto aumentare del 30% la spesa in bolletta. In questo caso alle imprese spetta, sotto forma di credito d’imposta, un contributo corrispondente al 20% delle spese elettriche. La misura è stata estesa anche al terzo trimestre 2022 e sarà attuata da Arer.

Leggi anche: Bonus Infissi e Finestre 2022: novità, requisiti e importi

Che cos’è il bonus bollette 2022

Il bonus mira ad agevolare cittadini e microimprese con una serie di provvedimenti tra cui la riduzione delle aliquote degli oneri generali di sistema, la rateizzazione del pagamento delle bollette e uno sconto sull’Iva per la fornitura di gas naturale. I principali interventi messi in campo per contenere i rincari sono:

  • riduzione dell’Iva al 5% sulle bollette del gas per utenze domestiche e non domestiche;
  • pagamento delle bollette in 10 rate mensili;
  • annullamento degli oneri generali di sistema per le utenze in bassa tensione, per altri usi, con potenza fino a 16,5 kW;
  • azzeramento degli oneri generali di sistema nel caso del gas naturale, sia per le utenze domestiche che non domestiche;
  • potenziamento del bonus luce e gas per gli utenti domestici che vertono in condizioni economicamente svantaggiate o in gravi condizioni di salute.

Le modalità di regolazione del bonus sociale sono state definite da Arera, l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente, alla quale spetterà il compito di organizzare le risorse messe a disposizione dal governo azzerando gli oneri generali di sistema, riducendo le bollette del gas, così come l’aliquota dell’Iva del 5%.

Nel caso in cui le bollette non riportino i consumi effettivi ma quelli stimati, l’aliquota del 5% si applicherà anche alla differenza degli importi (ricalcolati ed effettivi) relativi a gennaio, febbraio e marzo 2022.

Leggi anche: Bonus Idrico in scadenza: ecco entro quando inviare le domande

A chi spetta l’incentivo

La misura di sostegno è prevista per tutti cittadini e le famiglie in difficoltà economica che rispondono a determinati requisiti, quali ad esempio un tetto massimo ISEE, beneficiari di reddito di cittadinanza o utenti in condizioni fisiche disagiate. Ovvero:

  • nuclei familiari in condizioni di disagio economico:
  • con ISEE non superiore a 8.265 euro annui (per il bonus sociali elettrico e gas la soglia è stata elevata a 12mila euro dal decreto legge 21 marzo 2022);
  • nuclei familiari numerosi (almeno 4 figli a carico) e ISEE non superiore a 20mila euro annui;
    fruitori di pensione o reddito di cittadinanza;
  • uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o di gas naturale e/o idrica:
  • con tariffa per usi domestici o per uso domestico residente;
  • attivo o temporaneamente sospeso per morosità;
  • in alternativa uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve usufruire di una fornitura condominiale centralizzata di gas naturale e/o idrica per uso civile e attiva.

Taglio dei consumi elettrici, arriva lo stop agli elettrodomestici: come funzionerà in Italia

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy