Connettiti con noi

Life style

Impianti termici

Pubblicato

il

Impianti termici

Una casa, per essere considerata tale, deve avere degli impianti di riscaldamento. Oggi il valore immobiliare tende ad essere eseguito considerando perfino quali sono le qualità degli impianti presenti, si tratta dunque di un sistema che deve essere presente.

Vero è che non è obbligatorio, ma da esso potrebbe dipendere il valore economico immobiliare. Oggi poi ci sono tante agevolazioni che consentono di avere poi dei benefici per delle ristrutturazioni, nel senso che si potrà risparmiare molto denaro avendo un valido impianto interno.

Per esempio gli impianti di riscaldamento con i termosifoni, perfetti negli appartamenti e nei condomini, consentono di usare le caldaie che consumano poco. Per riuscire a strutturare un buon impianto è necessario che ci sia un sopralluogo e un tecnico che valuti i punti deboli della casa, come ambienti particolarmente freddi. Ritroviamo poi dei sistemi che sono con l’uso del caminetto, ma che sviluppano del calore sufficiente per riuscire a riscaldare dei termosifoni collegati.

Gli Impianti termici non sono solo quelli che riguardano il riscaldamento, come erroneamente si potrebbe pensare, ci sono perfino quelli che interessano il raffrescamento o raffreddamento

. Dunque si ha a che fare con climatizzazioni e condizionatori. Questo dunque permette di avere delle case che sono fresche in estate.

Anche loro sono ottimali perché permettono di avere un sostegno per delle temperature molto accoglienti e altrettanto vantaggiose in casa.

Impianto civile, sia di riscaldamento e raffreddamento

Siete interessati ad avere un buon impianto termico che sia di riscaldamento che di raffreddamento? Allora dovreste puntare sull’acquisto di climatizzatori e condizionatori completi di pompa di calore. Essi sono utili perché facili da installare, funzionano con la semplice elettricità ed hanno un ottimo rendimento per qualsiasi tipologia di temperatura. C’è un ma: i climatizzatori, nel riscaldare, possono soffrire maggiormente rispetto alle caldaie. La caldaia brucia ed essicca l’aria, il climatizzatore no, di conseguenza non sono proprio ottimali. Il problema però si potrà risolvere con un sostegno da parte di un professionista che studia sia la posizione migliore che poi il modello adatto.

Per le case molto grandi poi è preferibile che ci sia un impianto di canalizzazione, cioè che possa diffondere l’aria che viene prodotta dal condizionatore oppure dal climatizzatore.

Vedete il consiglio è quello di pensare alla propria tipologia di casa perché è necessario che ci sia una pianificazione del progetto che interessi tutta la casa. Dunque è necessario che si studi un impianto che possa soddisfare tutte le esigenze del cliente e degli ambienti della propria abitazione.

Come studiare un buon impianto termico privato

Gli impianti che sono termici si dividono, come già detto, da quelli che sono di riscaldamento e di raffreddamento. In casa si possono avere entrambi, cioè una buona caldaia che riscaldi in pieno inverno e poi un buon climatizzatore che sia in grado di raffrescare in estate. Però ci devono essere dei posizionamenti degli impianti in modo che si possa avere la massima resa con una forte diminuzione dei consumi.

Il problema principale è sempre quello di preoccuparsi dei consumi che sono poi quelli che si presentano in bolletta a fine mese.

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy