Connettiti con noi

Life style

Manca l’anidride carbonica, San Pellegrino sospende la produzione dell’acqua frizzante

Pubblicato

il

Acqua frizzante san pelllegrino fermata la produzione

La crisi nell’approvvigionamento delle materie prima colpisce anche il settore dell’acqua in bottiglia. Nelle ultime ore l’Azienda San Pellegrino è stata costretta a sospendere la produzione di acqua frizzante nello stabilimento di Ruspino, situato nel bergamasco. La causa, come riportato in una nota stampa del gruppo, è da individuare nella carenza di anidride carbonica che ha provocato un fermo temporaneo della linea produttiva.

Problema anche per altre aziende

In particolare lo stop ha riguardato le giornate del 15 e 16 settembre, dunque ieri e l’altro ieri. L’azienda, che rientra tra quelle di proprietà del marchio Nestlè, ha fatto sapere di essere al lavoro per risolvere il problema assicurando la ricerca “di nuove linee di approvvigionamento”. Peraltro, da quanto si apprende, il problema riguarderebbe anche altre attività del medesimo settore.

Perché manca l’acqua frizzante in Italia

Il problema del resto è noto. Il caro energia ha provocato una riduzione nelle disponibilità dell’anidride carbonica destinata al mercato delle bibite in generale (e infatti anche altri prodotti, come la birra industriale, sono a richio) che si è riversata, a catena, su tutta la filiera. Qui il nostro approfondimento sul tema. Emblematico, a questo proposito, era stato il caso dell’azienda Sant’Anna, che ha interrotto le consegne di acqua frizzante ad agosto. Di conseguenza in molti supermercati è scomparsa dagli scaffali.

Allarme nei supermercati, manca l’acqua frizzante: ecco perché è introvabile, cosa succede

 

 

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy