Connettiti con noi

Cronaca

Corruzione a Rocca di Papa: spediva ”mazzette” al Comandante della Locale, arriva la condanna

Pubblicato

il

a processo manifestanti che protestarono contro il lockdown

Rocca di Papa. È stato deciso ieri in camera di consiglio da un collegio di giudici al Tribunale di Velletri: arriva la condanna a due anni di reclusione per istigazione alla corruzione nei confronti di un responsabile di un’impresa edile che collaborava con il Comune di Rocca di Papa. Il tentativo di corruzione sarebbe avvenuto nei riguardi dell‘ex comandante della polizia locale di Rocca di Papa che però ha rispedito la busta subito al mittente, denunciando il fatto. 

Follia al tribunale: “Ti sparo in bocca”, minaccia il giudice e butta giù il banco della difesa

Corruzione a Rocca di Papa: spedì ”mazzette” al Comandante

L’uomo aveva tentato il metodo classico, cioè quello di pagare una ”mazzetta” consegnando una busta sigillata con il denaro all’interno, ma che il Comandante ha rispedito al mittente seduta stante. Si tratta di una sentenza non appellabile con applicazione del decreto Cartabie e possibilità di convertire in pena alternativa esclusa quella pecuniaria. Come racconta anche il Messaggero, il caso ha voluto metterci lo zampino in questa vicenda, dal momento che proprio dopo aver denunciato la tentata corruzione, il vigile sindacalista è stato rimosso dal suo incarico: dal Comune, il 29 novembre dell’anno scorso, la notte seguente, arrivava dal Comune di Rocca di Papa il diniego a proseguire l’incarico firmato dal commissario prefettizio nonostante la legge Brunetta avesse prorogato gli incarichi. Inoltre, sempre nella mattinata del 29 novembre scorso l’allora sindaca Veronica Cimino veniva sfiduciata da sei consiglieri della minoranza e quattro di maggioranza. 

”Assenza di trasparenza”

Sulla vicenda, poi, il Comandante ha voluto esprimere chiaramente la sua idea e posizione, dichiarando: ”Rimango esterrefatto – dice – in udienza è stato confermato tutto l’impianto accusatorio e c’è una condanna per istigazione alla corruzione ma il Comune non si è costituito parte civile. Registro ancora una volta l’assenza di chi all’interno della macchina amministrativa ha il dovere di trasparenza e anticorruzione. Spero che il commissario prefettizio faccia chiarezza su un’episodio così grave”. Nelle prossime ore, poi, saranno segnalate agli organi competenti, da parte del Comandante, anche le dinamiche e modalità con cui è stata disposta la cessazione dell’incarico da parte del Comune. 

Corruzione in Procura, 11 dipendenti del tribunale finiscono nel mirino degli investigatori

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com