Connettiti con noi

Ostia News

Ostia, litiga con la madre e occupa la casa di una lontana parente: scene kafkiane nella notte, denunciata 26enne

Pubblicato

il

Casa occupata Ostia

Pensava che quel legame di lontana parentela l’avrebbe autorizzata a occupare la casa delle prozie senza passare alcun guaio giudiziario. E così lei, 26enne di Ostia, ha pensato bene, dopo aver litigato con la madre, di andare con il fidanzato e un amico in quell’appartamento vuoto, in una traversa di Corso Duca di Genova.

L’occupazione

I tre giovani, intorno alle 19:00 di ieri, sabato 27 agosto, si sono recati nella palazzina, in zona Nuova Ostia. Armati di frullino, hanno forzato la serratura e sono entrati nell’appartamento. Ma il rumore provocato per forzare la porta ha allarmato i vicini di casa, che hanno chiamato la polizia, arrivata qualche ora dopo

All’arrivo degli agenti del X Distretto, i due ragazzi si sono dati alla fuga, mentre la ragazza è rimasta all’interno dell’abitazione. 

Leggi anche: ‘Mi ha picchiata, violentata e spento una sigaretta addosso’, 14enne incinta accusa 17enne: arrestato

La casa

L’appartamento era di proprietà di un’anziana donna. Alla sua morte della signora è andato in eredità alle figlie di questa. Sapendo che l’immobile era inutilizzato e in vendita, la ragazza – pronipote di secondo grado di una delle donne per parte di padre – ha pensato bene di andare a vivere lì, portandosi il necessario per “accamparsi”.

“Che state facendo”, avrebbe detto uno dei vicini. Ma in risposta i ragazzi gli avrebbero intimato di farsi gli affari suoi, poi, una volta aperta la porta e capito che stavano arrivando i poliziotti, sono fuggiti, lasciando solo 24enne.

Leggi anche: Ostia, scontro moto-monopattino: gravi 2 uomini

La scena kafkiana 

All’arrivo delle pattuglie, quando ormai era notte fonda, la giovane è stata denunciata a piede libero per occupazione abusiva dell’immobile. La ragazza, figlia di un noto pregiudicato, morto due anni fa, si ricorda dell’avvocato del padre, Guido Pascucci, e lo nomina come suo difensore. 

Nel frattempo arrivano sul posto due delle eredi dell’appartamento, per verificare quanto accaduto. Altri agenti identificano le donne e formalizzano il loro racconto. Anche le donne, che si stanno facendo già seguire per la parte civilistica dallo studio Pascucci in merito alle pratiche di successione, nominano l’avvocato Guido Pascucci come loro legale.

Ovviamente il legale, saputo che entrambe le parti volevano nominarlo, rifiuta una delle due nomine, quella della ragazza. Nel contempo, la donna minacciata dai ragazzi decide di rivolgersi allo stesso avvocato. “Anche io voglio denunciare per abbandono dell’immobile”, gli dice al telefono, “mi deve assistere”.

“Sembrava una scena surreale, un romanzo di Kafka“, ha commentato l’avvocato Pascucci. “Ho immediatamente rifiutato l’incarico della ragazza per incompatibilità, accettando invece quello delle signore, che già sto seguendo”.

Litoranea Ostia-Torvaianica, ‘Se non paghi ti rigo la macchina’: parcheggiatore abusivo tenta l’estorsione ai bagnanti

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy