Connettiti con noi

Cronaca

Cassino-Pomezia, la partita finisce nel caos: denunciato un dirigente e tre tifosi

Pubblicato

il

Calcio, cassino-pomezia finisce nel caos

Cassino-Pomezia. Denunciato dalla Polizia di Stato un dirigente sportivo del Pomezia Calcio 1957 e tre tifosi della compagine del Cassino Calcio 1924. Insulti al termine della partita, sarebbe questa la ragione della denuncia. Per i quattro soggetti, inoltre, sono in corso le fasi preliminari dell’istruttoria per l’emissione anche del DASPO. Ma cosa è successo? Cosa sappiamo della dinamica?

Roma, i vip si sfidano per solidarietà: torneo di padel tra celebrities a favore dei bambini

Denunciato il dirigente del Pomezia e tre tifosi

Il tutto sarebbe accaduto al termine dell’incontro di calcio, disputatosi presso lo Stadio Comunale “Gino Salveti”, tra Cassino Calcio 1924 e Pomezia Calcio 1957. Alla fine del match, certamente concitato, i tifosi locali dalle loro postazioni sopra gli spalti, avrebbero iniziato a lanciare offese gratuite e ad inveire contro i tesserati della squadra ospite. Secondo i tifosi, si è trattato di una risposta a presunti gesti offensivi da parte di un dirigente romano all’indirizzo della curva locale. Insomma, stando a questa versione, la miccia si sarebbe incendiata già durante la partita. Dopo le prime offese e gli insulti che piovevano letteralmente dagli spalti, l’uomo avrebbe reagito, rispondendo a tali insulti con gesti che scatenavano ancora di più le reazioni dei sostenitori di casa.

Applicazione del DASPO

Dopo le segnalazioni, gli accertamenti innescati subito dopo hanno consentito di identificare e denunciare 4 persone: il Direttore Sportivo del Pomezia Calcio 1957 per istigazione a delinquere avendo incitato più volte alla violenza con gesti offensivi contro i tifosi del Cassino Calcio 1927, e tre tifosi locali, rispettivamente di 52, 35 e 25 anni. Questi dovranno rispondere, a vario titolo, di atti osceni in luogo pubblico alla presenza di minori, oltraggio a P.U.; istigazione a delinquere avendo incitato più volte alla violenza con gesti e frasi offensive contro i calciatori e dirigenti del Pomezia Calcio 1927, con frasi offensive e salendo più volte sulle recinzioni dell’impianto sportivo nel tentativo di scavalcare. Per gli stessi, come anticipato, verrà disposta anche la misura di prevenzione del DASPO.

DAZN, le partite si vedono male: rimborso del 25% dell’abbonamento, ecco come

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com