Connettiti con noi

Cronaca

Rincari energia, scuola chiusa il sabato per risparmiare sui consumi: ecco la proposta

Pubblicato

il

alunni che tornano a scuola

Si discute da tempo dell’eventualità di istituire la settimana corta a scuola tenendo chiusi gli istituti scolastici il sabato. Una misura contro il caro energia che continua a far discutere.

Inizialmente l’idea era di chiudere la scuola il sabato e e non fare lezioni durante quella giornata, spalmando l’orario sugli altri giorni della settimana. In alternativa si era parlato anche di ricorrere alla didattica a distanza per la giornata di sabato. In entrambi i casi un mezzo per risparmiare gas in vista dei possibili razionamenti per l’inverno.

Leggi anche: Riscaldamenti, ecco quando si riaccenderanno i termosifoni a Roma: le date di accensioni per tutte le città

Il Ministro dell’Istruzione

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha comunque dato parere parzialmente favorevole all’ipotesi di procedere con la settimana corta a scuola. Ma non per tagliare i costi energetici, bensì per migliorare la didattica, nel caso in cui l’organizzazione nei singoli istituti possa trarne giovamento.

Bianchi afferma chiaramente che non devono essere le scuole a pagare le conseguenze del caro energia e per questo andrebbero escluse dai razionamenti dei consumi. Resta, però, la possibilità di ricorrere all’autonomia scolastica da parte dei singoli istituti.

Il che vuol dire che la settimana corta è possibile, ma solo partendo dal principio che si applichi per rendere più comoda ed efficiente la didattica e non per tagliare i consumi.

Sulla scuola chiusa il sabato, quindi, il ministro dell’Istruzione risponde: “Non ho mai chiusure”. Ma sottolinea anche che è necessario partire dalle esigenze degli studenti per offrire il miglior servizio possibile.

L’ipotesi della settimana corta resta difficile. I sindacati si oppongono, dicendosi contrari alla riduzione dell’orario scolastico in presenza e anche del ricorso alla didattica a distanza il sabato.

Sì alla settimana corta ma non a discapito degli studenti

Quindi le sigle in parte sposano la linea del ministro sostenendo che comunque la settimana corta può essere utile ai fini organizzativi, l’importante è che non venga utilizzata per spegnere i termosifoni qualche ora in più a scapito degli studenti. Per i sindacati, così come per gran parte del governo, è inaccettabile ridurre gli orari di lavoro dopo i due anni di interruzioni delle lezioni dovute a Covid e quarantene.

Inoltre, come sottolinea il Codacons, la chiusura delle scuole il sabato e la riduzione dell’orario causerebbe problemi anche alle famiglie: sia da un punto di vista organizzativo che di maggiori costi energetici che ricadrebbero su di loro.

Lezioni da 50 minuti

C’è poi un’altra possibilità, proposta dal comitato ’A scuola’, nato nel 2020 contro il ricorso eccessivo alla dad e composto da studenti, famiglie e insegnanti: le lezioni di 50 minuti. L’idea è di permettere alle scuole di introdurre lezioni da 50 minuti in caso di crisi energetica più grave in inverno per poter risparmiare un po’ sui consumi. Una soluzione che eviterebbe disagi alle famiglie, ma che non sembra piacere ai sindacati.

Scuola, si ritorna in classe: le ‘nuove regole’, cosa cambia per mascherine e DAD

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy