Connettiti con noi

Cronaca

Roma, cantieri da incubo: lavoratori in nero e niente sicurezza sul lavoro. Sanzioni per oltre 55.000 euro

Pubblicato

il

Tor Bella Monaca

Roma. Le irregolarità sul lavoro, la sciatteria, la superficialità e i mancati monitoraggi sulla sicurezza non sono una novità in Italia. Eppure, il nostro Paese ha un tasso di morti bianche altissimo, che continua da anni ad essere una delle piaghe più atroci: spesso si tratta di noncuranza, altre volte da una cattiva gestione dei protocolli. Fatto sta, che i controlli delle ultime ore non fanno che confermare, ancora una volta, la dura realtà.

Gli ultimi controlli a Tor Bella Monaca

Ieri mattina, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca, unitamente ai colleghi della Stazione Forestale di Roma e quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Roma, hanno eseguito mirate verifiche nel settore edile presso diverse ditte della zona di Tor Bella Monaca. Il bollettino che ne è emerso, è di 4 persone denunciate e sanzioni per circa 55.000 euro.

Mancata sicurezza sul lavoro

Il primo caso, riguarda un 44enne e una 56enne italiani, rispettivamente coordinatore per la sicurezza di una ditta e committente dei lavori, sono stati denunciati poiché non vigilavano correttamente l’esecuzione dei lavori. L’uomo è stato sanzionato per 7.862euro e la donna per 5.896 euro.

Leggi anche: Tragedia sul lavoro: giovane operaio muore schiacciato durante le manovre

Piani di sicurezza totalmente assenti

Successivamente, i Carabinieri hanno anche deferito all’Autorità Giudiziaria un 47enne italiano, legale rappresentante di una ditta affidataria dei lavori, per non aver redatto il piano operativo di sicurezza, per non aver verificato le condizioni di sicurezza dei lavori affidati e per non aver valutato i rischi connessi all’attività di cantiere.

Inoltre, il responsabile non aveva minimamente fatto adeguato ricorso alla segnaletica di sicurezza da cantiere, senza contare che i ponteggi non erano allestiti secondo quanto previsto dalle condizioni di sicurezza previste. L’uomo, infine, è stato sanzionato per un totale di 29.482 euro.

Lavoratori in nero e attrezzature pericolose

Infine, un 55enne di origine albanese, in qualità di legale rappresentante della ditta esecutrice, è stato denunciato per non aver redatto il piano operativo di sicurezza e poiché adoperava attrezzatura da lavoro (nello specifico una carrucola per il sollevamento dei materiali) che non erano conformi alla direttiva comunitarie e che non risultava adeguatamente fissata.

Anche lui è stato sanzionato dai Carabinieri per un totale di 15.724 euro. Il titolare della ditta, invece, dovrà pagare per complessivi 3.600 euro, per aver impiegato un lavoratore “in nero”.

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy