Home News Cronaca Seconde case fuori Regione, si può andare dal 26 aprile? Cosa cambia...

Seconde case fuori Regione, si può andare dal 26 aprile? Cosa cambia per la zona gialla, arancione e rossa: regole e limitazioni

regole zona arancione e rosso

L’Italia il 26 aprile inizierà il suo lento cammino verso il recupero della “normalità”, con riaperture su tanti fronti e regole meno ferree. Gradualmente si riapriranno i ristoranti, i teatri, le palestre, le fiere ma anche gli stabilimenti per arrivare ad un luglio sereno. Una delle strategie adottate dal Governo per spostarsi e partecipare ad eventi sarà il ‘passaporto vaccinale anche noto come ‘Green card’ che da oggi, nel Lazio, è disponibile. Come sappiamo, comunque, le riaperture saranno pensate sempre in relazione al colore della Regione e dunque all’Indice Rt. Zona gialla, prevede meno restrizioni, zona arancione restrizioni intermedie e zona rossa restrizioni diffuse. Tuttavia, anche per l’arancione e il rosso qualcosa cambierà dal 26 aprile: scopriamo insieme cosa.

Leggi anche:  Zona gialla rafforzata: cos’è, cosa si può fare e regole per spostamenti tra Comuni e Regioni

Zona arancione: cosa cambia dal 26 aprile 

Per la zona arancione, che è determinata da un indice Rt superiore all’1, ci sono precise regole da rispettare. La prima riguarda gli spostamenti dal comune: ci si può muovere all’interno ma non spostarsi da esso. Se si vive in un Comune che raggiunge massimo i 5.000 abitanti si può spostare (dalle 5 alle 22) in un raggio di 30 chilometri, anche per le visite ad amici o parenti: con un divieto, quello di dirigersi verso i capoluoghi di provincia. Ovviamente in qualsiasi caso resta consentito spostarsi per motivi di lavoro, salute, visita ad amici e parenti, seconde case e attività sportiva. 

Nello specifico se si va a trovare un amico o un parente ci si può spostare solo all’interno del proprio Comune, sempre dalle 5 alle 22, e al massimo di 2 persone in auto: fuori dal conteggio minori di 14 anni e disabili. Si può andare nelle seconde case anche se si trovano solo fuori la propria Regione di residenza: tuttavia può recarsi solo il nucleo familiare.  I negozi restano regolarmente aperti; bar, ristoranti e pasticcerie possono lavorare invece fino alle 22 ma solo per asporto e consegne a domicilio. L’attività fisica si può svolgere all’interno del proprio Comune, i centri sportivi sono infatti aperti: le palestre e le piscine però sono chiuse. I parrucchieri e i centri estetici restano aperti. 

Leggi anche:  Certificato vaccinale Lazio: come e dove scaricare il documento

Zona rossa: le regole dal 26 aprile 

Anche per la zona rossa, quella con più restrizioni, c’è il riepilogo delle regole. Innanzitutto non è consentito muoversi all’interno del proprio comune di residenza. Si può fare solo per motivi di lavoro, urgenza, salute, visite a parenti e spostamenti verso le seconde case. 
Si può andare a trovare amici o parenti all’interno del proprio comune seguendo delle regole: solo una volta al giorno, al massimo di 2 persone in macchina (minori di 14 anni e disabili esclusi dal conteggio) solo durante il coprifuoco. 

I bar e i ristoranti restano aperti solo per l’asporto e la consegna a domicilio. I negozi aperti sono meno e limitati, parliamo di: supermercati  tabaccai, distributori di benzina, librerie, edicole, parrucchieri, barbieri, profumerie, erboristerie, negozi di giocattoli, negozi di vestiti e calzature per bambini, negozi di articoli sportivi, ferramenta, fiorai, ottici, cartolerie, lavanderie, negozi per animali.
L’attività fisica è consentita solo all’interno del proprio comune, da soli e nelle vicinanze di case. Parrucchieri e centri estetici sono invece chiusi