Connettiti con noi

Anzio

Spaccio ad Anzio, 200 clienti nel giro di poche ore. Arriva Brumotti con le telecamere

Pubblicato

il

Delle infiltrazioni mafiose ad Anzio, della ‘ndrangheta e dei 65 arresti fatti all’alba del 17 febbraio scorso ne ha parlato ieri sera anche l’inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti. Lui che in sella alla sua bici è arrivato sul litorale romano, su Corso Italia, e ha cercato di documentare quello che accade lì, in quella zona.  Lui che si è imbattuto in un ragazzo su una sedia a rotelle e che ha fatto vedere come la malavita, in realtà, si approfitti di tutti, anche dei bimbi e dei disabili. Di come i malviventi siano in grado di ‘istruire’ quelli che sembrano gli insospettabili. 

Leggi anche: ‘Ndrangheta ad Anzio e Nettuno, 65 arresti all’alba: perquisizioni anche negli uffici comunali

Striscia la Notizia ad Anzio

Vittorio Brumotti, che per parlare di Anzio ha citato Il Corriere della Città e l’articolo sulle perquisizioni (anche negli uffici comunali), ha posto l’accento sul vero e proprio terremoto che ha coinvolto (e stravolto)il Comune. E non solo. Ha fatto vedere, con le telecamere nascoste piazzate dalla trasmissione, come lo spaccio di droga sia ormai all’ordine del giorno. E si faccia in pieno giorno. “I clienti arrivano anche da Roma e da tutto il basso Lazio, i prezzi sono competitivi e ogni giorno vengono vendute centinaia e centinaia di dosi. Arrivano, danno i soldi, si prendono la cocaina e se ne vanno” – spiega il giornalista, che lì, a Corso Italia, in poche ore ha visto più di 200 persone acquistare la sostanza stupefacente.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DEL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Ndrangheta Anzio

Spaccio di droga ad Anzio

La mafia è difficile da sradicare, ma i cittadini, quelli onesti e perbene, hanno il diritto di riappropriarsi del proprio territorio. E di vivere senza paura, nella sicurezza. E non nel degrado di alcune zone che sembrano ormai allo sbando, abbandonate a se stesse. Al lavoro ‘sporco’ dei pusher, dello spaccio di droga e della malavita organizzata. Brumotti ha cercato di ‘scoperchiare’ questa organizzazione criminale, con tanto di turni, radioline, sentinelle e di strumenti per ‘cucinare’ la sostanza stupefacente, in una piazza di spaccio enorme che ogni giorno frutta migliaia e migliaia di euro. Tutti soldi che vanno a finire nelle casse della ‘ndrangheta, che rovina il futuro dei giovani e che ormai fa affari anche con il clan degli Spada e dei Casamonica.

Con la speranza che lo Stato faccia la sua parte, non abbandoni chi vive lì, chi lavora con dignità in un territorio che dovrebbe essere il fiore all’occhiello della provincia di Roma. E che, invece (e purtroppo), sembra essere sempre più dipendente dalla mafia, che ‘arruola’ i ragazzi e che toglie loro il sogno di un futuro migliore. 

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy