Connettiti con noi

Cronaca

Tampone gratis per il Green Pass: chi può farlo e dove andare per ottenere il certificato verde per il lavoro

Pubblicato

il

Coronavirus Asl Lazio 2 ottobre 2021

Il Green Pass, quel certificato verde introdotto in Italia la prima volta ad agosto, presto sarà obbligatorio anche sul lavoro, nel settore pubblico e privato. Chiunque, quindi, dovrà presentare il documento e attestare di essere vaccinato o di essere guarito dal virus. O ancora, di essersi sottoposto a un tampone (molecolare o rapido) con esito negativo e dalla validità di 48 ore per il rapido, di 72 per il molecolare. Ma per chi il test è gratis? Dove deve farlo per ottenere il certificato verde, da giorni ormai al centro del dibattito (e delle polemiche)?

Leggi anche: Green Pass obbligatorio al lavoro: da quando, chi lo controlla e cosa si rischia

Tampone Gratis per ottenere il Green Pass: ecco chi può farlo 

Il Governo con il nuovo Decreto, che di fatto vede il Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori, ha definito le categorie che hanno diritto al tampone gratis. D’altra parte, il molecolare non si paga quando viene prescritto dal medico perché il cittadino in questione viene visto come contatto a rischio o con sintomi riconducibili al virus: in questo caso, le spese sono a carico del SSN non del cittadino, che dovrà recarsi in un drive-in o in una struttura accreditata. 

Leggi anche: Dl Green Pass: obbligatorio a lavoro ma senza licenziamenti. Dalle sanzioni al costo dei tamponi, tutte le novità

Il test rapido, invece, è sempre a pagamento (si può effettuare in farmacia). Sempre, ma con eccezioni perché chi, per motivi di salute certificati, non si può vaccinare, non dovrà pagare il tampone. Sono esenti dal Green Pass, lo ricordiamo, i bimbi sotto i 12 anni d’età (che dovranno fare un test se hanno più di 6 anni in caso di viaggio all’estero o nelle situazioni in cui è richiesto), le persone che per motivi di salute non possono vaccinarsi, chi ha avuto una relazione allergica grave dopo una dose di vaccino, le donne in gravidanza, chi nelle sei settimane successive al vaccino ha manifestato la sindrome di Guillan Barrè e chi, ancora, ha avuto casi di miocardite o pericardite dopo la somministrazione dei sieri Pfizer o Moderna. 

Come ottenere l’esenzione dal Green Pass 

L’esenzione dal Green Pass, lo specifichiamo, per essere valida deve essere rilasciata dai medici vaccinatori, dai medici di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it