Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Roma, travolto e ucciso da un pirata della strada: la vittima è Marco Mannage, aveva 25 anni 

Pubblicato

il

Marco Mannage

Si chiamava Marco Mannage il ragazzo di 25 anni, di origini bengalesi, che ieri sera è stato travolto e ucciso a Roma, in via di Casal del Marmo, all’altezza del civico 222. Lui, che viaggiava a bordo di un monopattino, è stato trovato senza vita, riverso a terra su quel rettilineo: di chi lo ha ‘centrato in pieno’, almeno per il momento, nessuna traccia. E le indagini della Polizia Locale, intervenuta sul posto per i rilievi, sono ancora in corso.

Investimento mortale ieri in via di Casal del Marco, la vittima è il 25enne Marco Mannage

L’investimento, l’ennesimo di una lunga scia, è avvenuto ieri sera, intorno alle 23, in via di Casal del Marmo, all’altezza del civico 222. Ed è proprio qui che il giovane è stato travolto e ucciso: lui si trovava a bordo di un monopattino, ma ora i caschi bianchi del gruppo Cassia stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica. Al momento, l’unica certezza è che il 25enne ha perso la vita sul colpo, inutili i tentativi di soccorso e rianimazione: quando il personale sanitario del 118 è intervenuto sul posto il suo cuore, purtroppo, aveva già smesso di battere. Di chi lo ha investito, invece, nessuna traccia. L’ipotesi più probabile è che il 25enne sia stato travolto e ucciso da un pirata della strada, che anziché fermarsi e prestare soccorso avrebbe pensato bene di ingranare la marcia. E fuggire via, lasciando il giovane lì a terra. 

Incidente mortale a Guidonia, scontro sulla Nomentana Bis: la vittima è Rebecca Biscetti, aveva 21 anni

I messaggi di cordoglio sui social

Mentre le indagini proseguono e i caschi bianchi del Gruppo Cassia hanno richiesto di visionare le telecamere di zona per ricostruire la dinamica e capire bene cosa sia successo, le bacheche social sono inondate di messaggi di vicinanza e cordoglio. Ancora increduli e sotto choc gli amici del 25enne, che ieri sera aveva pubblicato su Facebook un post, senza sapere che quello, con la musica di sottofondo, sarebbe stato l’ultimo. “Non riesco a pensare a niente, non sei un amico, sei un fratello” – scrivono gli amici. E di commenti di questo tipo se ne leggono a bizzeffe.

“Mi manchi, fratello mio, sei volato in cielo troppo presto. Non riesco ancora a credere che tu te ne sia andato per sempre, ma so che sono stata fortunata ad averti nella mia vita” – ha scritto Chiara, che ha allegato anche la foto con il 25enne. Ora restano quelle istantanee e resta il dolore di famiglia e amici. 

Incidente mortale a Roma, 25enne in monopattino travolto e ucciso