Connettiti con noi

Cronaca

Strage di Ardea: chi era Andrea Pignani? Nuovo sopralluogo in casa del killer

Pubblicato

il

villetta killer ardea pignani

La strage di Ardea – avvenuta domenica scorsa – non è finita con il suicidio del Killer. La storia, la vita e ciò che era nella mente di Andrea Pignani (l’uomo che ha sparato i colpi di pistola contro le tre vittime della strage) è tutt’ora al vaglio degli inquirenti. Questa mattina, infatti, nel quartiere di Colle Romito sono nuovamente giunti i Carabinieri per effettuare un altro sopralluogo in casa del killer.

Leggi anche:  Sparatoria ad Ardea, chi era il killer Andrea Pignani: i misteri di Mr Hyde 86 (VIDEO)

Alle 10:00 circa i militari hanno chiuso la strada dove abitava l’uomo, assieme con la madre, e hanno dato il via ad una nuova perquisizione. Nei giorni precedenti, sempre nel corso di sopralluoghi, i Militari avevano sequestrato un tablet, un computer ed un cellulare: tutti apparenti a Pignani. L’obiettivo delle indagini è sempre uno: capire cosa abbia spinto il killer ad uccidere, perché lo abbia fatto e se il tutto era stato premeditato. Oggi si indaga per comprendere meglio la personalità dell’omicida; si cercano, infatti, scritti dell’uomo, documenti o anche note che possano aiutare nelle indagini. 

Ardea: attesa l’autopsia sul corpo di Pignani e di Salvatore

Si attendono, sempre per la giornata di oggi, i risultati dell’autopsia e gli accertamenti tossicologici sul cadavere di Pignani. Anche l’autopsia sul corpo di Salvatore Ranieri, il 74enne vittima della pistola del Killer, è stata rimandata ad oggi. Gli accertamenti sui corpicini di David e Daniel, invece, sono stati già svolti nella giornata di ieri: il primo ad essere finito nel mirino dello squilibrato Pignani è il piccolo David Fusinato, di appena 5 anni, colpito alla gola.

Leggi anche: ‘Salvate i miei figli’: Daniel e David morti dopo aver tenuto la mano del padre

Quando Salvatore si è accorto di quanto stava accadendo ha provato a mettersi in mezzo, tra la pistola e i bambini, è stato colpito anche lui. Poi è toccato a Daniel che in quel frangente non è scappato ma ha provato a soccorrere il fratellino, eppure anche per lui è arrivato un colpo: questa volta al petto, proprio vicino il cuore.  Una storia inaccettabile che da domenica 13 giugno continua a strappare lacrime e rabbia a tutta la Nazione, una storia che, come dicevamo, non può finire con il suicidio del killer: bisogna capire chi era davvero Pignani e perché ha puntato una pistola contro due bambini ed un uomo, tutti innocenti. 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it