Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Da Roma alle Marche: sente la notizia del terremoto e salva la madre 87enne grazie alla webcam

Pubblicato

il

carabinieri ambulanza

Si è svegliato e, come ogni mattina, ha chiamato la madre. E oggi lo ha fatto con una preoccupazione in più. Voleva infatti sapere come stava, visto che aveva letto sul cellulare le notizie riguardanti la scossa di terremoto di magnitudo 4.3 avvenuta alle ore 6:20 nella Costa Marchigiana Pesarese, avvertita fino a Osimo, il paese in cui vive la sua mamma.

E lui, da Roma, preoccupato da quelle scosse che continuavano a susseguirsi senza tregua, ha alzato il telefono con una certa ansia, per farsi rassicurare dalla voce della madre 87enne. Ma la donna, contrariamente alle sue aspettative, non ha risposto.

Il collegamento alla webcam

L’uomo, senza perdere tempo ma in preda a un brutto presentimento, si è allora collegato alle webcam installate nell’appartamento della donna. Ha perlustrato la casa e, giunto nella camera da letto, ha visto l’anziana riversa a terra. Il figlio ha quindi chiamato immediatamente il 112. Sul posto sono quindi arrivati inizialmente i carabinieri, che hanno sentito, avvicinandosi alla porta di casa, la donna lamentarsi.

Poco dopo sono giunti anche i vigili del fuoco e i sanitari del 118. I vigili del fuoco hanno aperto la porta, consentendo ai soccorsi di entrare. La donna è stata trovata sul pavimento. Le sono state immediatamente date le prime cure, poi è stata trasferita in ospedale. Le sue condizioni non sono preoccupanti. Fortunatamente, grazie al pronto intervento dei soccorsi, tutto si è risolto nel migliore dei modi.

Chiama la mamma dopo il terremoto, ma la donna è morta da due mesi: la macabra scoperta

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy