Connettiti con noi

Ultime Notizie

“Emendamento far west”: si potrà sparare anche nelle oasi e nei parchi (ma anche in città)

Pubblicato

il

caccia, via libera all'emendamento che l'autorizza ovunque

L'”Emendamento Far West” sulla caccia, così come è stato ribattezzato, è stato (quasi) approvato e mette a rischio tutte le specie animali selvatiche essenziali per il mantenimento dell’ecosistema. I cacciatori potranno sparare ovunque: nei parchi urbani, in città e nei giardini. Un “via libera” molto pericoloso che rischia di entrare in vigore.

L’emendamento sulla caccia

Il nome assegnato al nuovo emendamento proposto e fortemente voluto da Fratelli d’Italia è “Piano straordinario quinquennale per la gestione e il contenimento della fauna selvatica attuabile mediante abbattimento e cattura”. L’emendamento è stato approvato dalla Commissione di Bilancio della Camera dei deputati e farà parte della Legge di Bilancio 2023. Se la Legge di Bilancio sarà approvata, entro il 31 dicembre 2022, i cacciatori potranno sparare ovunque o almeno così sembrerebbe: nelle zone vietate alla caccia, nelle aree urbane, all’interno delle aree protette. Così, tantissimi animali indifesi che non stanno facendo altro che vivere la loro vita potrebbero morire e tutti i parchi cittadini sarebbero in pericolo. Se pensiamo a Roma ci vengono in mente: il Parco degli Acquedotti, il Parco della Caffarella, Villa Borghese e tanti altri luoghi verdi. Così, in tutta Italia nessun parco sarebbe più al sicuro, né per tutti gli animali né per noi. Infatti, sono tantissimi i casi di persone e cani uccisi “per sbaglio” dai cacciatori.

Alberto Asor Rosa è morto: l’esperto di letteratura italiana aveva 89 anni

L’importanza degli animali selvatici

Al centro del mirino c’è quella che viene definita “fauna selvatica”. Stiamo parlando di decine, centinaia di specie selvatiche diverse come lupi, volpi, volatili, orsi e molti altri. L’emendamento non tiene conto del periodo storico che stiamo vivendo, in piena crisi ambientale dove ogni specie ha il suo ruolo nel mantenimento dell’ecosistema. Inoltre, ogni animale è un individuo senziente che sta abitando, ad esempio, un parco, come noi abitiamo le nostre case. Se l’emendamento passasse, il messaggio inviato alle generazioni future sarebbe chiaro e sarebbe pericoloso. Avremmo un maggiore commercio di armi, un’incentivo all’uccisione di altri esseri viventi e un senso di padronanza del mondo. E’ questo il futuro che vogliamo?

Resti di cibo, ossa di animali e vestiti di scena: ecco cosa è emerso nello studio sulle fogne del Colosseo

La legge viola le norme europee?

L’emendamento è molto problematico. Nonostante ci siano i numeri per l’approvazione parlamentare, i rischi di questa legge sono rischi ambientali gravi. Il presidente dell’Oipa, Massimo Camparotto ha dichiarato “Se sarà approvato, siamo pronti a segnalarlo alla Corte di Giustizia ambientale europea poiché un emendamento del genere modifica la legge nazionale sulla caccia n. 157/92 che richiama una direttiva europea“. Con lui, tutte le associazioni, i collettivi e i singoli cittadini contrari alla caccia si sono dichiarati contrari: “Faremo il possibile perché questa legge non passi, non è giusto. Vogliamo un mondo migliore, etico e che tenga conto delle vite degli altri animali. Non siamo i padroni del mondo.”.

L’Oipa lancia l’allarme: “Il Parco del Circeo pronto a fare fuoco sui daini. Ci opporremo”

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com