Connettiti con noi

Ultime Notizie

La pendolare che fa 1.600 km ogni giorno in treno: “Non voglio perdere il lavoro, gli affitti sono troppo alti”

Pubblicato

il

Treno frecciarossa la storia della pendolare napoli milano

Giuseppina è una pendolare che ogni giorno prende il treno per recarsi al lavoro. Ma la sua non è una storia come le altre. Sì perché la ragazza, che di mestiere fa la collaboratrice scolastica, deve coprire una distanza di circa 1.600km tra andata e ritorno per un totale complessivo di almeno 9 ore passate in treno. Il che vuol dire alzarsi in piena notte e rincasare più o meno alle 23.30. Tutti i giorni, tutte le settimane.

La storia di Giuseppina pendolare da Napoli a Milano

Già questo basta a restare sbalorditi. Come si può infatti pensare di sostenere un simile ritmo di vita? Lei, Giuseppina Giuliano, ha trovato lavoro al liceo artistico Boccioni a Milano. E pur vivendo a Napoli ha deciso ugualmente di accettare l’impiego. “Il mio stipendio è di 1.165 euro al mese, racconta la lavoratrice, che ha 29 anni, a Il Giorno. “Ma per una semplice stanza (non una casa badate bene, ndr) in condivisione le cifre partono almeno da 650 euro ai quali aggiungere le altre spese. Il treno mi viene a costare invece, tra punti accumulati per i viaggi che faccio e acquisti con tanto anticipo, circa 400 euro mensili e comunque, vivendo con i miei genitori, riesco a risparmiare sugli altri costi”. Già, ma a che ‘prezzo’ è proprio il caso di dire?

Roma, macchinista Cotral picchiata dai pendolari: salvata dal capotreno

La maratona dal sud al nord (e viceversa) della pendolare campana

Il suo è stato definito come una sorta di pendolarismo estremo. La sveglia suona ogni giorno, si fa per dire, alle ore 3.30 del mattino. E a qui inizia la maratona casa-lavoro-casa. La prima coincidenza da non perdere è quella delle 5:09, con il treno che parte in direzione Milano e che arriva nel capoluogo lombardo intorno alle 9:24. Dopodiché la ragazza prende il bus che la porta a scuola, giusto in tempo per iniziare il suo turno alle 10.30. Alle 17.00 stacca: una tappa veloce al supermercato per la cena e di corsa in stazione per tornare a casa. Dove arriva alle 23.30 dopo aver cenato e dormito all’interno del vagone stesso. E via così per tutta la settimana.Sono appena passata di ruolo, non posso perdere questa opportunità. Fin quando non troverò una soluzione diversa andrò avanti così”, conclude la ragazza.

Prende il treno in corsa e si aggancia al maniglione esterno del vagone: convoglio in ritardo, 34enne denunciato

Da Roma l’idea per trasformare il ritardo del treno in buoni da spendere online

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com