Lavinia, investita a 16 mesi fuori dall’asilo: la maestra chiede al giudice la ‘messa alla prova’

Pubblicato il
lavinia montebove

È stata celebrata un’altra udienza, davanti al Tribunale di Velletri,  che vede la maestra d’asilo a processo colpevole di lesioni gravissime, a causa dell’incidente nel quale Lavinia Montebove, all’epoca dei fatti, nel 2018, di soli 16 mesi, è stata investita nel parcheggio dell’asilo e, a causa delle lesioni riportate, da allora si trova in stato vegetativo. A sorpresa, come riporta La Repubblica, il difensore dell’indagata ha chiesto che la sua assistita venga ammessa alla messa alla prova.

Il giudice dovrà pronunciarsi sulla richiesta della difesa della maestra

Ora la parola spetta al giudice Eleonora Panzironi che sarà chiamato a pronunciarsi su questa istanza, al termine di valutazioni e verifiche utili a stabilire se la maestra possa o meno essere ammessa a quella che viene definita ‘una modalità alternativa di definizione del processo’ che consente di evitare la punizione, svolgendo lavori di pubblica utilità, ma è possibile solo per reati di lieve entità. Qualora la magistratura dovesse accogliere la richiesta, il reato sarebbe estinto, almeno l’accusa per lesioni gravissime, mentre resterebbe in piedi, come riporta la Repubblica, quello per abbandono di minori.

Resta il reato di abbandono di minori

La maestra comunque dovrà rispondere del fatto di aver lasciato soli gli altri suoi alunni per trasportare Lavinia in ospedale che si configura nel reato di abbandono di minori. Adesso la decisione è affidata al giudice monocratico di Velletri che nella prossima udienza, fissata per l’11 settembre, si pronuncerà sull’istanza formulata dal difensore della maestra.

Se il magistrato dovesse accogliere l’stanza, si tratterebbe di un’ulteriore dura prova per i familiari della bambina che oggi ha 6 anni. Anche se bisogna anche tenere in considerazione che finora il giudice ha rigettato le varie istanze presentate dagli avvocati della difesa che nella scorsa sessione avevano chiesto una nuova perizia sull’incidente e l’audizione di una bambina presente al momento dei fatti. Non resta che aspettare questi ulteriori due mesi per conoscere quale sarà la decisione della dottoressa Panzironi.

Lavinia, investita a 16 mesi fuori dall’asilo: attesa per la sentenza

Impostazioni privacy