Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Roma. ‘Avevo tutto, ora non più’: la storia del manager licenziato che vive in auto

Pubblicato

il

Roma. 'Avevo tutto, ora non più': la storia del manager licenziato che vive in auto

Roma. Il biglietto comparso sul lunotto posteriore della sua auto e la storia che racconta sono da togliere il fiato. Le poche righe che si susseguono sono in grado di far percepire sin da subito il grande dramma di un’esistenza appena a un filo e distrutta dalle circostanze avverse. Il biglietto, poi, è scritto bene, con tutte le accortezze, è gentile, misurato e fa trapelare la forte portata di tutta la storia che ha alle spalle. Come riportato da la Repubblica, il messaggio recita: ” Vivo in macchina. Se avete bisogno di fare la spesa io ve la faccio e ve la porto a casa per uno o due euro (quello che potete). Sono anche un amante dei cani e se vi può far piacere porto il vostro amico a quattro zampe a fare i bisogni. E un bel giretto. Naturalmente col sacchetto per raccogliere la cacca. Spero di conoscervi e di esservi utile. Grazie. Giuliano”. Dentro quell’auto, una Lancia grigia, c’è l’autore del messaggio straziante, che difficilmente potrebbe passare inosservato, se non alla sensibilità individuale dei passanti che lo leggono.

Roma, pestaggio a Trastevere: “Picchialo! Picchialo!”, calci e pugni al senzatetto svenuto a terra, il video choc

La straziante storia di Giuliano

Dentro c’è Giuliano, in attesa che qualcosa possa finalmente salvarlo dal dramma in cui si trova: una storia, tra le tante purtroppo che ci sono in città, di emarginazione e stenti. Poi, una volta raggiunto da una voce esterna, inizia a raccontare la sua storia: “Ero un manager di un’azienda fornitrice di acqua ed energia. Avevo una famiglia e con mia moglie abbiamo due bambini. Poi il terremoto. Sono finito tra gli accusati di un giro di tangenti di cui non ho mai saputo nulla, ho provato a difendermi ma non c’è stato verso. Sono stato licenziato. Anche mia moglie non ci poteva credere. Poi sono scivolato in una spirale depressiva e ho perso anche mia moglie. Ora vivo qui, questa macchina è tutto quello che ho. Grazie del suo interessamento, ma non voglio niente”.

Roma. Prima perde il lavoro, poi i suoi ultimi 5 euro che servivano a fare la spesa: il quartiere si mobilita per aiutare un uomo e suo figlio

”Accusato di tangenti di cui non so nulla”

Lui, Giuliano, ha circa 50 anni, e dopo qualche momento di rigidità e stupore, inizia nuovamente a parlare: “Ho due lauree, avevo tutto e in un attimo ho perso tutto. Pure mia moglie prima di lasciarmi mi ha accusato di essere stato un padre assente e aveva ragione, ma lavoravo dodici ore al giorno e avevo poco tempo per i bambini. Ora sto così. Faccio lavoretti, campo con poco. In auto mi devo spostare sennò i vigili mi fanno la multa. Alla caritas non vado perché, vabé non vado perché mi vergogno. Sento tanta gente in difficoltà. Con me parlano perché faccio tenerezza. Ma questa crisi è molto più grave di quanto pensiate. Qualcosa da fare capita sempre. Lavoretti semplici da aggiungere a chi mi chiede di fargli la spesa o di far uscire i cani. Mi tengo sempre intorno al centro, raramente mi spingo in periferia. Io chiedo poco, perché mi basta poco per vivere. Per sopravvivere”. Poi, così come è apparso, scompare nuovamente nell’abitacolo della sua auto, a stringere i denti e andare avanti. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy