Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Busta paga, bonus fino a 600 euro: ecco come funziona, cosa cambia con il Dl Aiuti Bis

Pubblicato

il

Soldi per bonus 200 euro

Nuovi bonus per i lavoratori dal valore di 600 euro esentasse. Nell’articolo 12 del testo del decreto n. 115 del 9 agosto 2022 – recante misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali – vengono infatti introdotte delle nuove misure fiscali per il welfare aziendale.

Leggi anche:  Bonus animali domestici 2022: importi, requisiti, come si richiede

Bonus fino a 600 euro: cos’è

Con questo decreto si dà alle aziende l’opportunità di contribuire a supportare i lavoratori in questo difficile momento storico dove l’aumento dei prezzi sta abbassando il potere d’acquisto degli stipendi. Il decreto Aiuti bis aumenta l’importo delle buste paga portando lo sgravio contributivo dello 0,8% introdotto dall’ultima legge di Bilancio al 2%, ma solamente per il 2022 ed esclusivamente per gli stipendi con un imponibile non superiore a 2.692 euro (che proiettato su tredici mensilità da come risultato 35 mila euro).

C’è quindi la possibilità per i datori di lavoro di riconoscere dei bonus esentasse fino a un valore di 600 euro. Viene dunque rivisto quanto stabilito dal testo unico delle imposte sui redditi, dove il limite entro cui i benefit aziendali non sono tassati è fissato a 258 euro.

Nell’articolo 12 si legge che “non concorrono a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori dipendenti, nonché le somme erogate o rimborsate ai medesimi dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale, entro il limite complessivo di 600 euro”.

Leggi anche: Buoni Spesa 2022: da 600€ a 800€ contro i rincari

Bonus 600 euro: decide l’azienda

Tra i benefit aziendali esentasse entro il limite di 600 euro rientrano anche le somme concesse al lavoratore per il pagamento delle bollette di luce, gas e acqua. Si tratta dunque di un importante incentivo per i datori di lavoro che vogliono puntare sul benessere aziendale ma non è un obbligo per l’azienda, dato che resta comunque facoltà dell’azienda decidere se e quando riconoscere dei benefit per la tutela del welfare aziendale.

Netflix: nuovi rincari e pubblicità contro gli account condivisi

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy