Connettiti con noi

Italia

Litiga con i superiori e gli spara alle gambe, poi si uccide: ‘Per loro in carcere non ci torno’

Pubblicato

il

Uomo spara ai due superiori a lavoro e poi si suicida

Una live sul posto di lavoro. Una discussione degenerata, nata da una questione di soldi. Poi gli spari e la tragedia. E’ accaduto in provincia di Alghero, un 43enne ha litigato con i suoi superiori e, dopo aver estratto una pistola e averli colpiti alle gambe, si è ucciso. L’evento è accaduto questa mattina. Si tratta dell’ennesimo caso di cronaca nera sul lavoro, ma vediamo nel dettaglio cosa è successo durante la tragedia.

La dinamica del litigio con i superiori

Antonio Rosario Urgias, un uomo di 43 anni era rientrato al lavoro soltanto ieri dopo più di due mesi di malattia a causa di un’importante operazione alla schiena. In seguito alla lunga degenza evidentemente non aveva ancora ripreso bene a livello psicologico il suo rientro e alla prima occasione gli animi si sono subito scaldati. Lavorava da ormai 6 anni come operatore ecologico e da circa un anno e mezzo si occupava di spazzare le strade.

Investe un bambino sulle strisce e scappa: ‘Non potevo fare tardi al lavoro’

Le prime ricostruzioni

Da una prima ricostruzione sembra che sia avvenuto tutto in circa quindici minuti, tra le 5:30 e le 5:45. Antonio ha iniziato ad urlare contro i due superiori perché sosteneva mancassero 150 euro nella sua bustapaga. Sembra che i due capi abbiano negato l’ammanco e lui sia andato via molto adirato e sbattendo le porte.

Studentessa tenta il suicidio per amore: salvata in extremis da un carabiniere fuori servizio

Antonio spara alle gambe dei superiori e poi si uccide

Dopo pochi minuti, pare che Antonio sia rientrato con un’arma da fuoco carica e abbia intimorito i due superiori. Dopo qualche urlo, in cui era chiaramente fuori di sé, ha sparato alle gambe dei due. Un altro collega sarebbe intervenuto per placare la situazione, ma senza riuscire a fermare l’intento omicida dell’uomo. Antonio avrebbe infatti gridato: “Per loro in carcere io non ci torno!“. Poi, dopo essersi seduto, si è puntato la pistola contro di sé, per poi spararsi in testa.

L’epilogo della tragedia

Nonostante il rapido intervento dei soccorsi, per Antonio Rosario Urgias cnon c’è stato niente da fare. L’uomo ha deciso di togliersi la vita in maniera eclatante e di sicuro inaspettata. Gli amici e i parenti sono increduli, non sanno cosa possa aver scatenato un gesto tanto folle. I due superiori sono feriti ma fuori pericolo e sono stati trasportati immediatamente all’ospedale di Alghero.

Bologna, accoltella alla gola la moglie 25enne, poi scappa e si schianta con l’auto

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com