Connettiti con noi

Cronaca

AstraZeneca, oggi la decisione del Cts. Sileri: ‘No alla somministrazione del vaccino alle donne under 30’

Pubblicato

il

variante Delta

Mentre molte Regioni hanno già cancellato gli Open Day AstraZeneca (è il caso della Campania), altre stanno continuando con le somministrazioni, nonostante dubbi e pareri contrastanti sul vaccino più discusso, quello di AstraZeneca. Proprio oggi il Cts, il Comitato Tecnico Scientifico, si pronuncerà e si cercherà di capire quale sarà il “destino” della campagna vaccinale, che ormai in Italia sta procedendo spedita. 

Leggi anche: Variante Delta, nuova ondata Covid a settembre 2021: l’allarme di Pregliasco

AstraZeneca sui più giovani? Il parere degli esperti 

Teorie diverse e pareri contrastanti anche tra gli esperti, che stanno cercando di puntare – nuovamente – i riflettori sul vaccino AstraZeneca. Da mesi, ormai, non si fa altro che parlare di questo siero: prima i rari casi di trombosi, poi la sospensione momentanea da parte dell’Ema e la valutazione successiva dell’Aifa. Gli esperti del Comitato tecnico scientifico avevano “raccomandato” la somministrazione agli over 60, ma di fatto il vaccino con gli Open Day è stato inoculato, sempre su base volontaria, anche ai più giovani (ai cittadini dai 18 anni in su).

Leggi anche: Vaccini in vacanza, arriva il via libera di Figliuolo: “Faremo bilanciamento dosi”

Per Antonella Viola, immunologa e docente di patologia generale a Padova, direttore scientifico dell’Istituto di ricerca pediatrica Città della Speranza, intervistata dal Corriere della Sera, “Le Regioni  devono finirla di fare a gara a chi vaccina di più senza mettere al primo posto la sicurezza. Gli eventi trombotici post vaccino sono rarissimi, ma anche un solo episodio è una tragedia. Sono sempre stata convinta che non bisognerebbe darli (Johnson & Johnson e AstraZeneca, ndr) a persone di età inferiore ai 55 anni, specialmente donne”. 

Dello stesso parere anche Pierpaolo Sileri,  il sottosegretario alla Salute, che ai microfoni di Radio Cusano Campus ha spiegato: “Il vaccino AstraZeneca sotto i 30 anni non dovrebbe essere usato. Non lo consiglierei alle donne sotto i 50 anni. I dubbi nascono a maggior ragione dal fatto che oggi la circolazione e l’incidenza settimanale del virus si sono abbassate drasticamente. È chiaro che se un vaccino ha dato il sospetto di qualche complicanza, soprattutto nei più giovani, la forchetta del rischio-beneficio per questi soggetti si riduce. E’ probabile che per i vaccini non a mRna ci possa essere una rivisitazione delle indicazioni sull’età, usando maggior cautela oggi che la circolazione del virus è molto più bassa. Io ho prenotato in farmacia e farò il J&J – ha spiegato Sileri –  ma sono over 40 e non sono donna quindi posso stare abbastanza sicuro, ma se avessi un’amica di 30 anni le consiglierei un vaccino a mRna (Pfizer o Moderna, ndr)”. 

Solo oggi si capirà cosa si deciderà per il vaccino AstraZeneca anche se, a quanto pare, l’ipotesi di non somministrare le dosi sotto i 50 anni sembra farsi sempre più vicina. 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it