Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Roma, arrestato due volte in 24 ore: prima l’aggressione in autobus, poi la rapina in appartamento

Pubblicato

il

Roma, due arresti in 24 ore

Roma. Le storie che hanno a che fare con la giustizia italiana sono sempre ricche di inventiva e variabili che stupirebbero i migliori romanzieri moderni e andati. Arrestato e liberato due volte in poco più di 24 ore: succede a Roma dove un 26 enne finlandese, senza fissa dimora, è stato arrestato e rimesso in libertà dal giudice dopo un processo per tentata rapina. Non contento, dopo poche ore il ragazzo è stato nuovamente arrestato per tentato furto in abitazione. 

Arrestato due volte in 24 ore: il primo reato

Il primo reato era stato commesso nella giornata di martedì scorso, 2 agosto, intorno alle 12.00, durante la traversata di un autobus. Una volta sul veicolo, l’uomo aveva iniziato a colpire il conducente ma, immediatamente intervenuti, i poliziotti, erano riusciti a bloccato, malgrado la forte resistenza dello stesso.  

Conducente ferito al collo durante la colluttazione

La vittima del putiferio scoppiato sul mezzo in corsa, successivamente, ha raccontato agli agenti che, lo straniero, un finlandese di 26 anni con precedenti di polizia, dopo essersi introdotto all’interno del suo veicolo, prima aveva tentato di sfilare le chiavi del mezzo e poi, in seguito alla sua reazione, lo aveva afferrato per il collo tentando di sfilargli l’orologio che aveva al polso e poi di rubare il portafogli che custodiva nella giacca posizionata sul sedile posteriore. La vittima, infine, era stata visitata dai sanitari del 118, riportava traumi e graffi vari, mentre l’aggressore fermato dalla polizia. 

Leggi anche: Roma, gravissima aggressione a Piazza Venezia: turista con il volto insanguinato chiede aiuto a un’agente

Il secondo reato: furto in appartamento

Ma a quanto pare si tratta di un tipo recidivo. Dopo il direttissimo e il seguente rilascio, ancora una volta, infatti, si è reso partecipe di un misfatto. Ancora una volta una rapina e, ancora una volta, per fortuna, stroncata sul nascere. 

Proprio nella serata di ieri, mercoledì 3 agosto, nel quartiere Monti, precisamente in via dei Capocci, è stato notato mentre si arrampicava utilizzando il cavo dell’antenna condominiale per raggiungere il secondo piano di un complesso di appartamenti. A notarlo è stata una signora, residente, che ha sentito dei rumori sospetti provenire da fuori.

Successivamente ha chiamato il 112 che, una volta sul posto, lo hanno prontamente riconosciuto e fermato, per l’ennesima volta. Un’altra notte in cella per il soggetto, e un altro rito direttissimo da affrontare. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy