Connettiti con noi

Italia

Traffico internazionale di droga, arrestato il Procuratore capo dell’Aia

Pubblicato

il

Uomini della divisione antimafia indagano su mafia e usura a Pomezia

Traffico internazionale di stupefacenti, un’accusa pesante che ha visto l’esecuzione di 42 ordini di custodia cautelare, 26 dei quali in carcere, e tra questi ultimi figura anche il nome del procuratore capo dell’Associazione italiani arbitri, Rosario D’Onofrio. L’operazione antidroga Madera, coordinata dai sostituti procuratori Rosario Ferracane e Sara Ombra della Dda ed eseguita dalla Guardia di Finanza e dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano ha ricostruito un traffico internazionale di stupefacenti. Man mano stanno emergendo anche i nomi degli indagati. Se in primo momento è stato reso noto il nome del dipendente di un’agenzia funebre che vantava di non essere sottoposto a controlli delle forze dell’ordine neanche in pandemia e di poter così trasportare la droga nel suo carro funebre, adesso è la volta del Procurato capo dell’Aia.

Le dimissioni immediate

Ed è stata l’Associazione italiana arbitri a chiedere le dimissioni immediate di D’Onofrio che già lo scorso ottobre era stato deferito dalla Federcalcio per una questione legata a una indagine relativa a un assistente di serie A. Ora arriva anche il coinvolgimento nel traffico di droga per il Procuratore capo dell’Aia che coinvolge personaggi italiani, spagnoli e albanesi. Sei le tonnellate di stupefacente “fatte entrare” nella nostra Penisola. Secondo le risultanze investigative D’Onofrio avrebbe vestito la mimetica militare, per non essere passibile di controlli, e trasferito carichi di marijuana e hashish anche durante il periodo di lock down.

Roma, ubriaco e drogato aggredisce i medici del Pronto Soccorso

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy