Connettiti con noi

Programmi TV e Spettacolo

GF VIP e la rivelazione di Alberto De Pisis: ‘A 25 anni ho avuto un tumore’

Pubblicato

il

alberto de pisis

Alberto De Pisis ieri sera si è aperto al pubblico del GF Vip, raccontando una storia toccante che fa riferimento alla sua vita. Il ragazzo, poco più che trentenne e diventato famoso nei salotti di Barbara D’Urso, ha raccontato la sua esperienza con un brutto male che lo aveva toccato: il tumore. Il ragazzo ha accennato all’esperienza durante la puntata serale al programma di Alfonso Signorini, approfittando della presenza della madre.

Alberto De Pisis parla del tumore al GF Vip

Il giovane ha raccontato della sua battaglia contro il cancro, combattuta quando aveva 25 anni. Poi è stato raggiunto a sorpresa dalla mamma, che è entrata nella casa per incoraggiarlo a lanciarsi maggiormente nel gioco. De Pisis è uno dei concorrenti più low profile di questa nuova edizione del Grande Fratello Vip, ma durante la quindicesima puntata del reality di Canale 5, quella andata in onda lunedì 7 novembre, è stato protagonista di un momento molto toccante. Il giovane ha raccontato infatti della sua battaglia contro il cancro, combattuta quando aveva 25 anni e poi è stato raggiunto a sorpresa dalla mamma, che è entrata nella casa per incoraggiarlo a essere più espansivo nell’esperienza gieffina. 

In merito alla malattia che lo toccò, Alberto De Pisis ha detto: “A 25 anni ho avuto un tumore ed ho dovuto fare le terapie. Ho visto i miei sogni andare in frantumi. Il mio primo approccio è stato a me non interessa, ma mi sono bastati pochi giorni per capire il valore della vita. I medici erano stati chiari, non sappiamo se arrivi a domani”. E ancora: “Io inizialmente non volevo farcela. Improvvisamente trovi le forze per affrontarlo. Ero isolato, non volevo compassione e commiserazione, volevo far finta che non c’era nulla per farcela da solo”.

Ha concluso Alberto: “Ho chiesto a mio fratello e mio padre di venirmi a trovare se non ce l’avessi fatta. Non ne ho mai parlato prima, perché per me era un modo di difendermi: il massimo silenzio con tutti di questa esperienza. E’ un modo per tenere una cosa stretta a te. Dopo un pianto di 7 ore ho deciso che ce l’avrei fatta”. 

Roma, attentato a Marco Doria: bomba nel giardino di casa dell’ex delegato sotto scorta

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy