Connettiti con noi

Cronaca

Anche i vip contro Roma sporca: “Perché nessuno pulisce? Non è solo colpa dei romani…”

Pubblicato

il

Svolta rifiuti: sbloccati fondi differenziata

Roma sempre sporca, malgrado le promesse elettorali. E adesso che i turisti arrivano a frotte, approfittando dell’estate, la “cartolina” che si presenta non è certo delle migliori. Lo evidenziano non solo i cittadini comuni, ma anche i vip. Tra loro Claudia Gerini ed Elena Santarelli.

Leggi anche: Roma, i cinghiali aspettano, attraversano sulle strisce e poi fanno cena con la spazzatura (VIDEO)

Le condizioni della Capitale 

Vivere a Roma sta diventando sempre più difficile. Questa è una realtà che da anni si fa sempre più dura e sempre più presente. A volte la bellezza, indiscutibile, della Capitale, ci fa dimenticare, per un momento, dei suoi problemi. Altre volte però è impossibile. Soprattutto ora. Ogni giorno arrivano segnalazioni nuove e  drammatiche. I fatti non solo sono sempre uguali, ma peggiorati. Non sembra esserci un margine di miglioramento. E a questo punto è normale chiedersi: ‘Ma la colpa di chi è?’

I problemi restano sempre gli stessi. Non importa l’amministrazione, i cambiamenti o i nuovi programmi. L’emergenza rifiuti è sempre più forte di prima. Lo sa bene chi vive nella Capitale e ogni mattina deve fare i conti con cumuli di spazzatura sotto il proprio condominio. O quando si torna a casa stanchi da lavoro e si deve fare lo ‘slalom’ tra buste di rifiuti e cartoni buttati per terra. 

Leggi anche: Termovalorizzatore Roma, Andreassi (Vicesindaco Albano): «Conseguenza di anni disastrosi nella gestione dei rifiuti»

La denuncia dei vip 

A volte sembra che le lamentele dei cittadini non vengano prese in considerazione o passino in secondo piano. “Non si può pensare altrimenti, nessuno ci ha ascolta”, dicono alcuni. ‘A dare voce’ a chi non ha la possibilità di parlare a un pubblico così ampio sono i vip che nei loro profili Instagram denunciano la sporcizia delle vie di Roma. 

Claudio Gerini, in alcune Instagram stories ha scritto: “Siamo a Piazza della Minevra, dietro al Pantheon di Roma. Questo, (riferendosi ai rifiuti abbandonati e arredi urbani buttati in mezzo alla strada), è quello che, tutti i giorni, dobbiamo vedere. La situazione è sempre la stessa anche in altri quartieri. Sporcizia e degrado in un posto che dovrebbe essere un bel salotto”. E poi conclude con una frase che ha fatto discutere molto e che molti, tutti, hanno appoggiato:  “La città è sporca non solo per le persone incivili, ma perché nessuno la pulisce”. 

‘Roma Degrado’

Continuando, anche Elena Santarelli ha fatto un intero post sfogandosi sulla situazione. Tantissimi i commenti delle persone che, stanche, vogliono avere risposte. “Non vogliamo più promesse, vogliamo dimostrazioni”. “I turisti scappano”. “Questa non è più la città più bella del mondo”. “Che schifo”.

Elena Santarelli contro la sporcizia della Capitale

Leggi anche: Tolti i sigilli alla discarica di Albano: il sito è stato dissequestrato

Intanto la discarica di Albano è stata dissequestrata, provocando il malcontento dei sindaci del bacino interessato. E, in attesa del termovalorizzatore promesso da Gualtieri, per la cui realizzazione ci vorranno anni (e chissà lo stesso Gualtieri nel frattempo dove sarà: probabilmente il suo mandato sarà scaduto), quali sono le intenzioni del Campidoglio? Di certo la strada intrapresa finora non è quella corretta. Troppi i rifiuti lasciati in strada in ogni quartiere, compreso il centro. Portarli all’estero o fuori regione ha costi altissimi per le casse comunali e, di conseguenza, per i romani. 

Partendo dal presupposto che occorre necessariamente ridurre la quantità di rifiuti facendo una buona differenziata (cosa che a Roma non succede proprio, visto che è la maglia nera del Lazio, con il suo 50,4% di differenziata al 31 dicembre 2021, dati ISPRA), quello che resta andrebbe comunque portato in siti regionali per risparmiare. Ma a volte la politica fa altri ragionamenti, che vanno al di là della logica. 

Le altre regioni

Forse sarebbe il caso di imparare dai Comuni e dalle Città in cui il problema rifiuti è stato risolto. Roma è diventata peggio di Napoli 20 anni fa. Adesso la città campana non ha più di queste emergenze. Stessa cosa in Emilia Romagna, dove i tre termovalorizzatori hanno anche accolto i rifiuti (e i soldi) romani per cercare di togliere le castagne dal fuoco e una piccola parte di immondizia dalle strade. Continuare a lavorare ricadendo sempre nell’emergenza non è certo il modo migliore per presentare la Capitale agli occhi del mondo. Che siano i vip a dirlo o no, il risultato è sotto gli occhi di tutti.

L’opposizione

Ad attaccare il sindaco Gualtieri il consigliere d’opposizione Daniele Diaco, Presidente Commissione IV Ambiente di Roma Capitale. “Dopo la denuncia di Elena Santarelli, anche l’attrice Claudia Gerini documenta con un video il degrado che alberga a Roma. Nel filmato, che ritrae una Piazza Minerva preda della sporcizia, la Gerini esprime rammarico e amarezza per le cattive condizioni in cui versa la città e per la totale mancanza di decoro del Centro Storico. Un tratto, ahinoi, caratteristico della Roma targata Gualtieri, in cui nulla va come dovrebbe andare. Sette mesi di disastri e inerzia totale che i cittadini stanno scontando sulla propria pelle. Sarebbe ora che il sindaco dem e la sua maggioranza si rimbocchino le maniche e inizino a lavorare seriamente per la città. I romani sono stufi di un’Amministrazione che non fa nulla per tutelare il decoro urbano e la salubrità del territorio”.

Rifiuti a Roma: mentre tutti litigano per il termovalorizzatore, ecco come vanno in fumo 30 milioni di euro l’anno

 
 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy